Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziecagliariCronacaArresti › Bancarotta fraudolenta: imprenditore in manette
Red 17 luglio 2019
Questa mattina, i finanzieri della Tenenza di Muravera hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Cagliari, nei confronti di un imprenditore di Villasimius. In corso sequestri per oltre 1,6milioni di euro
Bancarotta fraudolenta: imprenditore in manette


VILLASIMIUS - Questa mattina (mercoledì), i finanzieri della Tenenza di Muravera hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Cagliari, nei confronti di un imprenditore di Villasimius. L’indagine ha visto coinvolto il socio ed amministratore di fatto di una società di capitali, che ha accumulato in breve tempo ingenti debiti nei confronti di numerosi commercianti operanti nella stessa cittadina, ma soprattutto nei confronti del Fisco e degli Istituti previdenziali, non assolvendo agli obblighi dichiarativi e di versamento delle imposte negli anni 2015 e 2016.

L’attività ha avuto origine della querela presentata da alcuni creditori della società, operante nel settore dell’abbigliamento, che vantavano nel tempo ingenti crediti, mai soddisfatti. I finanzieri, attraverso l’analisi della documentazione amministrativo-contabile e bancaria acquisita nel corso di una prima perquisizione, hanno ricostruito un illecito modus operandi consistente nel sistematico depauperamento dell’azienda che, negli anni, non ha assolto agli obblighi dichiarativi e di versamento delle imposte per 718.719euro ed accumulato debiti nei confronti dei propri fornitori per 941.699euro, fino alla dichiarazione di fallimento.

Conclusa l’attività di indagine e di ricostruzione del meccanismo fraudolento, l’imprenditore è stato denunciato per i reati di bancarotta fraudolenta, falso, omessa dichiarazione fiscale ed autoriciclaggio e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato destinatario della misura cautelare della custodia in carcere ed è stato pertanto accompagnato nella Casa circondariale di Uta. Contestualmente, i finanzieri stanno eseguendo anche il sequestro dei beni e delle disponibilità finanziarie dell’indagato, fino alla concorrenza del profitto del reato, ammontante ad oltre 1,66milioni di euro.
16/8/2019
Il Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Lucca, che si avvalso della collaborazione del Reparto Territoriale di Olbia, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Firenze Sara Farini, nei confronti di tre ucraini, tutti indagati per associazione finalizzata al traffico transnazionale di sostanze stupefacenti
© 2000-2019 Mediatica sas