Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesassariSportUniversità › Pozzecco e Sardara all´Università
Red 3 ottobre 2019
La squadra secondo Gianmarco Pozzecco e Stefano Sardara: lezione del Banco di Sardegna Dinamo basket al Contamination lab dell´Università degli studi di Sassari
Pozzecco e Sardara all´Università


SASSARI - Essere se stessi, coltivare la propria passione, esercitarsi allo sfinimento senza crearsi alibi. È il messaggio di Gianmarco Pozzecco e Stefano Sardara per i futuri imprenditori del Contamination lab dell'Università di Sassari. L'allenatore e l'imprenditore presidente biancoblù (diversi, eppure molto simili nell'etica di un lavoro che ha la “Dinamo basket Banco di Sardegna” come epicentro), ieri mattina (mercoledì), all'interno dell'incubatore universitario CubAct dell'Università degli studi di Sassari, hanno parlato di gioco di squadra, leadership ed impresa sostenibile. L'incontro è stato introdotto dal delegato per il Trasferimento tecnologico dell'Università di Sassari Gabriele Mulas.

Il Contamination lab è un percorso formativo dell'Ateneo di Sassari aperto a studenti provenienti da tutti i Dipartimenti e da tutti i cicli (laurea di primo e secondo livello, dottorato) che desiderano “contaminarsi” ed allenarsi attorno ad un'idea d'impresa. Ovviamente, la prima cosa da fare è trovare l'alchimia giusta per un gruppo di lavoro funzionante. «Io comincio dalla scelta dei giocatori che devono avere certe caratteristiche di umanità ed empatia fondamentali per stare in squadra», ha spiegato Pozzecco. Ricordando i suoi trascorsi da giocatore, il coach ha sottolineato come l'obiettivo in quel caso fosse prima di tutto giocare bene e fare molti punti. L'allenatore invece deve vincere ed il suo lavoro, diversamente da quello del giocatore, viene giudicato a lungo termine, cioè a fine stagione. La pressione è alta, ma è importante non farsi influenzare e rimanere sempre concentrati sull'obiettivo.

«Teoricamente fare l'allenatore è facile, perché basterebbe essere se stessi – ha detto il Poz – In realtà è molto complicato, perché bisogna avere la forza di non farsi condizionare da ciò che succede, dalle nostre paure e dalle nostre insicurezze. Ci si riesce solo se si ha una grande passione. Fare le cose credendoci e avendo passione è un talento». L'idea di Pozzecco è che l'allenatore non debba essere egoista ed autoritario, ma una persona altruista, che pensa prima di tutto al benessere dei giocatori e li considera nel loro insieme: come persone complete e non solo come professionisti chiamati a compiere un lavoro. Affinché il clima sia quello giusto, quello in cui diventi quasi naturale vincere ventidue partire di fila, il coach ha il dovere di osservare e capire i giocatori giorno per giorno, ascoltare le loro esigenze, metterli nelle condizioni di dare il meglio anche quando è dura, anche quando la bontà di un'intera stagione dipende dalla voglia di lanciarsi su quell'ultima palla decisiva, a 2” dalla sirena finale.

Il lavoro di chi tira le fila dell'azienda per certi versi è simile, perché la Dinamo, come ogni impresa, è costituita da tante parti diverse, ognuna portatrice di differenti istanze. «Fare squadra deve essere veramente la sintesi delle istanze di tutti»¸ ha affermato Sardara, in relazione all'importanza di gestire i conflitti. Ma ci si deve credere per davvero in questo gioco di squadra, non solo a parole. «Da ragazzo volevo fare l'avvocato, ma poi ho capito che la mia vera passione era il lavoro di assicuratore». Poi è arrivata la Dinamo che è un'impresa completa e complessa e che abbraccia tutto il territorio. «Era necessario che facessimo sistema in un contesto come la Sardegna, non potevamo limitarci a essere solo una società sportiva», ha proseguito il patron biancoblu, che agli studenti del Contamination lab ha dato indicazioni precise: «La via breve non esiste. Esiste la conoscenza, la competenza, il sacrificio e lo studio. Ci vuole entusiasmo, ma con i piedi per terra. Non innamoratevi di un'idea senza prove concrete di sostenibilità. I contributi pubblici? Sono solo un di più, dovete immaginare il vostro business senza di essi». Sulla difficoltà di fare impresa in Sardegna, Stefano Sardara ha voluto sfatare alcuni miti: «Ci sono imprese che funzionano anche in una realtà isolata. Ricordate che c'è una fetta di mercato che ama e ricerca l'isolamento. Siate orgogliosi di ciò che abbiamo, cioè quest'Isola, e individuate bene il vostro mercato». Per prima cosa però bisogna crederci. «Non ponetevi limiti. Non pensate che le persone che ricoprono ruoli a cui aspirate abbiano doti che voi non avete», ha concluso Pozzecco. L'iniziativa è stata particolarmente apprezzata dagli studenti del ClAb dell'Università di Sassari.
Commenti
14/11/2019
Per l´Anno accademico 2019-2020, l’Università degli studi di Sassari ha lanciato “Unisco”, un progetto di orientamento portato avanti dall’Ateneo in collaborazione con le scuole secondarie di secondo grado, che possono aderire all´iniziativa fino a sabato
© 2000-2019 Mediatica sas