Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesassariSportCalcio › Calcio femminile: esordio per la Torres
A.B. 5 ottobre 2019
Domani pomeriggio, la formazione sassarese ospiterà le romane del Grifone gialloverde nel match valido per la prima giornata del girone C del campionato nazionale di serie C
Calcio femminile: esordio per la Torres


SASSARI - Dopo le due brillanti vittorie contro Caprera eD Atletico Oristano, la Sassari Torres femminile si appresta a fare il suo esordio in campionato contro il Grifone gialloverde, squadra della Capitale, che ha chiuso la scorsa annata al secondo posto in classifica nel girone D di serie C. La Torres, invece, ha terminato la stagione 2018/19 al quarto posto, con 46punti, frutto di 14vittorie, 4pareggi ed altrettante sconfitte. Come confermato da mister Mario Desole e dal presidente Andrea Budroni, l’obiettivo di questa stagione è quello di migliorare quanto fatto lo scorso anno, tentando la promozione in B, che significherebbe entrare tra i professionisti. Rispetto all’ultima stagione, ci sono state numerose conferme, ma anche diversi arrivi. Oltre a Gloria Sotgia, sono arrivate in Sardegna le lituane Klaudija Savickaitė e Gabija Valiukeviciutė, la lettone Laura Sondore, la maltese Martina Borg, la spagnola Silvia García Ferrer e la palestinese Natali Shaheen.

Queste le domande a cui ha risposto il presidente Budroni.
Quali sono gli obiettivi per questa stagione?
«Nella stagione 2018-2019, la squadra si sarebbe meritata il secondo posto. Io ho detto fin dall’inizio della stagione che sarebbe stato importante arrivare dietro la corazzata San Marino. Alla resa dei conti, questo mancato obiettivo ci ha condannato, sia per la promozione, che per il ripescaggio. L’obiettivo di quest’annata è quello di migliorare la posizione della scorsa, quindi di fare il salto di categoria. La squadra è stata attrezzata per competere con le big del girone ed io mi aspetto tanto dalle ragazze: carattere, impegno, amore per la maglia, ma soprattutto mentalità. Le giocatrici devono sentire un fortissimo attaccamento ai colori rossoblu».

Quest’anno, in squadra ci sono sette straniere. Una scelta o una necessità?
«Volevamo dare un tocco di esperienza in più: abbiamo attinto al mercato estero acquistando giocatrici in grado di competere ad alti livelli anche in serie A. Juventus, Milan e Fiorentina, le tre top team della massima serie insegnano che per arrivare ai grandi traguardi occorrono giocatrici di caratura internazionale. Tra le nuove abbiamo ragazze che hanno fatto la Champions ed altre occupano o hanno occupato un posto nella propria Nazionale. Senza dimenticare l’importante riconferma di Jelena Marenic che, con un campionato italiano alle spalle, potrà dimostrare di fare di più e anche lei ci darà delle belle soddisfazioni».

La parola a mister Desole.
Come si prepara la Torres alla prima giornata di campionato?
«Ci stiamo preparando bene: sotto l’aspetto atletico le ragazze sono pronte e cariche per affrontare la prima gara di campionato, che sicuramente sarà diversa dalla prima di Coppa Italia. Dobbiamo fare un po’ di conti per vedere quante ragazze avremo a disposizione per la prima gara».

Come ha visto la squadra nelle partite contro Caprera e Oristano?
«Per le prime due partite di Coppa Italia il risultato parla da se (1-8 al Caprera e 8-0 all’Atletico Oristano, ndr.), ma ci sono alcuni aspetti sui quali dobbiamo lavorare, su tutti quello dell’approccio e del gioco. Nella stagione 2018-2019 siamo partiti a rilento e ci vuole un po’ di tempo per trovare i giusti meccanismi, che lo scorso anno abbiamo trovato a fine campionato, ancora abbiamo bisogno di tempo per lavorare».

Come procede l’inserimento delle nuove giocatrici?
«Pian piano stiamo cercando di inserirle. Il portiere Klaudija è fuori per un impegno con la Nazionale, quindi questa settimana non si sta allenando con noi, però fin da quando è arrivata a Sassari ha fatto molto bene. Ferrer, lo stesso, sembra che si sia inserita nei nostri meccanismi; adesso dobbiamo dare un po’ di tempo a Sondore e Gabija, perché sono arrivate un po’ in ritardo. Borg ha giocato abbastanza bene nelle prime due partite e Natali Shaheen ha esordito domenica, ma anche per loro ci sarà comunque bisogno di tempo».

Come sta affrontando mentalmente la squadra questa stagione?
«Sappiamo che come rosa siamo migliorati rispetto allo scorso anno, quindi le ragazze sanno che possono fare tanto e bene. Sono molto cariche sotto questo aspetto, gli allenamenti sono sempre molto intensi e tutte hanno l’obiettivo di essere pronte quando verranno chiamate in causa, perché la rosa è ampia e sanno che devono dare sempre il massimo. Le ragazze stanno rispondendo presenti a queste sollecitazioni e sono molto contento del gruppo che fino a oggi ha lavorato veramente bene».

Nella foto: il presidente Andrea Budroni
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas