Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notizieolbiaCronacaCronaca › Villa con allaccio abusivo a Olbia
Red 7 ottobre 2019
La truffa sottoterra scoperta grazie al sistema di telecontrollo. La denuncia per furto d’acqua è scattata dopo il sopralluogo congiunto del Servizio ispettivo di Abbanoa con i Carabinieri del locale Nucleo Radiomobile
Villa con allaccio abusivo a Olbia


OLBIA - Un colpo di ruspa e dal sottosuolo è emersa la truffa: è stato necessario sbancare la strada per scoprire un allaccio abusivo utilizzato dai proprietari di una villa nella lottizzazione Sa Marinedda. Operazione eseguita questa mattina (lunedì) dai tecnici del Servizio ispettivo di Abbanoa, con i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Olbia. Il collegamento garantiva rifornimento gratis (per i titolari, ma a discapito della collettività) alla cisterna dell’abitazione. Sarebbe stato impossibile individuare il furto d’acqua ad occhio nudo o con le semplici verifiche dei contatori, ma che nella strada ci fosse un consumo anomalo era stato evidenziato dal sistema di telecontrollo, che monitora i flussi nella rete idriche.

Si pensava potesse esserci una perdita occulta, che si disperdeva nel sottosuolo e non emergeva in superficie. Le verifiche effettuate dai tecnici nei giorni scorsi, però, avevano dato esito negativo: nessuna perdita sotterranea. Invece, incrociando i dati con i consumi delle abitazioni è emerso che l’anomalia dipendeva più probabilmente da un furto d’acqua. Il campo è stato ristretto con le verifiche di ogni singolo allaccio. Di solito, gli allacci abusivi vengono effettuati con tubi flessibili sistemati al posto dei contatori, oppure con l’installazione di misuratori falsi. Escamotage ora diventati inutili, perché gli operatori di Abbanoa eseguono le verifiche con tablet ,che consentono di riscontrare immediatamente eventuali abusi.

Questa volta, l’allaccio abusivo era più complesso e soprattutto ben protetto da occhi indiscreti, ma non dalle ultime tecnologie che consentono di far emergere le anomalie. E così, individuato l’esatto punto in cui c’era il consumo sospetto, questa mattina i tecnici di Abbanoa sono entrati in azione con un escavatore. Dal sottosuolo è emersa immediatamente la presenza dell’allaccio abusivo, composto da una tubatura in polietilene e rame collegata direttamente alla rete idrica. I Carabinieri hanno potuto constatare in flagranza il reato di furto d’acqua, con l’aggravante che per realizzarlo sono state manomesse anche le condotte pubbliche.
13:03
Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando provinciale di Nuoro, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità
15/10/2019
Emerge una scena del crimine agghiacciante. Il 70enne di Alghero trovato morto nella sua casa di Boca Chica, vicino a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana
8:06
Il potenziamento di queste attività vicino alle scuole rientra nel progetto “Scuole sicure”, avviato il primo ottobre, finanziato dal Ministero dell´Interno, che ha permesso al Comando di disporre di risorse aggiuntive per intensificare le attività investigative
7:07
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, la Seconda Compagnia di Cagliari ha concluso una verifica fiscale nei confronti di un professionista operante nel settore legale, che non ha dichiarato, per gli anni d’imposta 2016 e 2017, ricavi per oltre 186 mila euro, omettendo per tali annualità la presentazione delle dichiarazioni obbligatorie e qualificandosi quindi come “evasore totale”
16/10/2019
L´ex patron dell´hotel Capo Caccia di Alghero, Gianni Marocchi, patteggia a 3 anni e 10 mesi nel processo per bancarotta della prestigiosa struttura alberghiera algherese
15/10/2019
«La Consulta cívica per les polítiques lingüístiques del català de l’Alguer da il suo supporto ai responsabili catalani che hanno difeso il diritto all´autodeterminazione, con manifestazioni pacifiche e la votazione finale con il referendum del 1 ottobre 2017», si legge in una nota proveniente da Palazzo Serra
15/10/2019
«Ieri, migliaia di cittadini catalani all’interno dell’aeroporto hanno intonato “Bella ciao”, un canto diventato, ormai, il manifesto di tutti i popoli che vogliono battersi per la libertà. Il filo linguistico che lega Alghero e la Catalogna ha, adesso, un altro elemento di comunanza», dichiara il presidente della locale Anpi Antonio Budruni
© 2000-2019 Mediatica sas