Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziecagliariCronacaCronaca › Iglesias: evasione per 600mila euro
Red 10 ottobre 2019
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso un’attività di verifica nei confronti di un ente non commerciale operante nel Sulcis nel settore socio-assistenziale
Iglesias: evasione per 600mila euro


IGLESIAS - Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso un’attività di verifica nei confronti di un ente non commerciale operante nel Sulcis nel settore socio-assistenziale. Le indagini sono scattate dopo un controllo del territorio e successivi approfondimenti attraverso la consultazione delle banche dati in uso al Corpo.

L’azione dei finanzieri è stata orientata alla verifica del corretto inquadramento giuridico dell’ente e dei conseguenti adempimenti di natura contabile e tributaria da esso derivanti, atteso che è parso subito anomala la costituzione di un'associazione no profit per lo svolgimento di un’attività di tipo socio-assistenziale nei confronti di persone anziane. Dall’accesso nei locali dell’associazione,, le Fiamme gialle hanno riscontrato che l’attività assistenziale veniva svolta in modo organizzato ed “imprenditoriale”, costituendo una vera e propria attività commerciale: lo “schermo” dell’associazione senza scopo di lucro costituiva uno stratagemma per usufruire del regime fiscale agevolativo riservato agli enti no profit.

La successiva analisi documentale acquisita durante la verifica ha confermato la natura commerciale dell’attività effettivamente svolta: gli assistiti non erano soci, per di più completamente ignari degli scopi dell’associazione, i quali provvedevano a pagare le rette in relazione alle prestazioni assistenziali ricevute. Per di più, chiunque poteva liberamente accedere alle prestazioni della struttura, indipendentemente dal pagamento delle quote associative.

Una volta appurata la natura commerciale delle attività svolte dall’associazione, si è proceduta alla ricostruzione dei ricavi conseguiti e dei relativi costi sostenuti attraverso l’esame della documentazione contabile, extra-contabile e bancaria reperita durante le fasi ispettive. Le operazioni di controllo hanno permesso di appurare che il controllato, indicizzato quindi quale realtà commerciale a tutti gli effetti, per la sola annualità 2013, non ha presentato le dovute dichiarazioni fiscali ai fini delle imposte dirette e dell'Iva qualificandosi quale evasore totale, occultando ricavi per 603mila euro.
13:03
Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando provinciale di Nuoro, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità
15/10/2019
Emerge una scena del crimine agghiacciante. Il 70enne di Alghero trovato morto nella sua casa di Boca Chica, vicino a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana
8:06
Il potenziamento di queste attività vicino alle scuole rientra nel progetto “Scuole sicure”, avviato il primo ottobre, finanziato dal Ministero dell´Interno, che ha permesso al Comando di disporre di risorse aggiuntive per intensificare le attività investigative
7:07
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, la Seconda Compagnia di Cagliari ha concluso una verifica fiscale nei confronti di un professionista operante nel settore legale, che non ha dichiarato, per gli anni d’imposta 2016 e 2017, ricavi per oltre 186 mila euro, omettendo per tali annualità la presentazione delle dichiarazioni obbligatorie e qualificandosi quindi come “evasore totale”
16/10/2019
L´ex patron dell´hotel Capo Caccia di Alghero, Gianni Marocchi, patteggia a 3 anni e 10 mesi nel processo per bancarotta della prestigiosa struttura alberghiera algherese
15/10/2019
«La Consulta cívica per les polítiques lingüístiques del català de l’Alguer da il suo supporto ai responsabili catalani che hanno difeso il diritto all´autodeterminazione, con manifestazioni pacifiche e la votazione finale con il referendum del 1 ottobre 2017», si legge in una nota proveniente da Palazzo Serra
15/10/2019
«Ieri, migliaia di cittadini catalani all’interno dell’aeroporto hanno intonato “Bella ciao”, un canto diventato, ormai, il manifesto di tutti i popoli che vogliono battersi per la libertà. Il filo linguistico che lega Alghero e la Catalogna ha, adesso, un altro elemento di comunanza», dichiara il presidente della locale Anpi Antonio Budruni
© 2000-2019 Mediatica sas