Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroPoliticaTurismo › «Rilancio turismo non piace a Bruno & Co»
Red 14 ottobre 2019
Dopo gli interventi del gruppo Per Alghero e la replica di Forza Italia, è l´assessore comunale al Turismo Marco Di Gangi a commentare l´idea, «dopo anni di assenza di iniziative su questo importante tema»
«Rilancio turismo non piace a Bruno & Co»


ALGHERO – L'annuncio da parte del Comune di Alghero della costituzione del Tavolo permanente per il turismo [LEGGI] non smette di suscitare polemiche e botta e risposta tra Maggioranza ed Opposizione. Dopo gli interventi del gruppo Per Alghero [LEGGI] e la replica di Forza Italia [LEGGI], è l'assessore comunale al Turismo Marco Di Gangi a commentare l'idea, «dopo anni di assenza di iniziative su questo importante tema». L'assessore risponde alla critiche fatte dal Gruppo consiliare facente capo all'ex sindaco Mario Bruno, «particolarmente critico sull'istituzione dell'organismo che intende ripensare e rilanciare in maniera diversa e più concreta lo sviluppo turistico di quanto non sia stato fatto nel recente passato».

«Il recente intervento del gruppo Per Alghero – afferma Di Gangi - è costituito, giova ricordarlo, oltre che da Pietro Sartore, dalla ex assessora del Turismo Gabriella Esposito e dall’ex sindaco Mario Bruno. L'intervento lascia perplessi, perché gli stessi, dopo anni di silenzio in proposito, oggi, nel ruolo di oppositori, hanno iniziato, finalmente, a parlare di turismo con il piglio di chi ha la ricetta per guarire tutti i mali, bocciando a priori e senza appello la proposta di costituzione di un tavolo tecnico. Fa forse loro paura il “Tavolo permanente per il turismo”? - chiede, ed ancora l'esponente della Giunta Conoci - Li spaventa il fatto che, magari, possa essere la sede adatta per iniziare a ripensare in maniera diversa rispetto alla loro lo sviluppo turistico?». Inoltre, l'assessore ricorda «“agli smemorati”, che la richiesta di una Consulta permanente per il turismo è stata sottoposta dai principali rappresentanti del comparto a tutti i candidati a sindaco, incluso Mario Bruno, che ha sottoscritto un manifesto nel quale tale richiesta è espressa in maniera estremamente chiara. Se ne è dimenticato o, semplicemente, non intende dare alcun valore alla propria firma, pur se nel ruolo di oppositore? La credibilità di una persona si misura anche dalla sua capacità di mantenere fede agli impegni formali assunti».

Poi, il passaggio sulla Fondazione Alghero: «Quando parlano della possibilità per i privati di aderire alla Fondazione Alghero, la spacciano come una opzione da essi stessi introdotta, “dimenticando” che tale possibilità esisteva dal momento della nascita della Fondazione stessa che, non a caso, è nata come “ Fondazione di partecipazione”. Ma è ancora più singolare il fatto che essi stessi dichiarino che le richieste di adesione di un certo numero di soggetti “privati” giacciano tra le carte della Fondazione. Ma se é così – domanda Di Gangi - perché non hanno essi stessi, a suo tempo, quando amministravano Comune e Fondazione, provveduto a deliberarne l’adesione? Cosa ostava?». Secondo i tre consiglieri di Opposizione, sarebbe stata la Consulta dello Sviluppo economico «la presunta sede per concertare le politiche e le scelte turistiche tra operatori e soggetti pubblici coinvolti». “Questa si che è una soluzione di retroguardia e assolutamente inefficace – afferma l'assessore - Il fallimento dell’operato della Consulta é certificato dal fatto che tra la pletora di soggetti che inizialmente hanno creduto in questo strumento, abbiano continuato a parteciparvi in pochi. La Consulta si è, infatti, rivelata essere, prevalentemente, uno strumento di comunicazione dell’Amministrazione, inadatta, perciò, a svolgere la funzione per cui era nata. Dovrebbero anche spiegare a cittadini ed operatori turistici cosa li abbia spinti a cancellare dalla struttura organizzativa del Comune il turismo, svuotandolo di personale e di risorse economiche, come se delegare alla Fondazione tutto ciò che riguarda il comparto fosse la soluzione per il suo rilancio».

Infine, la considerazione sull'operato dei consiglieri di Opposizione: «Non si capisce l’ostinazione con cui i componenti della ex Maggioranza Bruno attaccano con un impegno degno di migliore causa ogni iniziativa ed ogni proposta stia provenendo dalla Giunta Conoci e dalla sua Maggioranza. Va bene fare l’Opposizione, ma cerchino di farla con spirito realmente costruttivo, altrimenti verrebbe da pensare che vogliano fortemente che la situazione che essi stessi hanno generato negli ultimi sette anni non cambi, come se fosse quella ideale per gli algheresi. Dimenticano, però che gli algheresi, al contrario, la hanno sonoramente bocciata con il loro recente voto».

Nella foto: l'assessore comunale Marco Di Gangi
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas