Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziecagliariCulturaSocietà › Simona Serci fa luce sulla storia Aragonese
Cor 27 novembre 2019
Uno studio ricostruisce per la prima volta i complessi documentari conservati negli Archivi di Stato di Cagliari, Palermo, Napoli e Barcellona. Presentazione in programma il 28 novembre alle 16.30 presso la Cittadella dei Musei di Cagliari in un evento promosso dall´Università di Cagliari e dalla Biblioteca di Sardegna
Simona Serci fa luce sulla storia Aragonese


CAGLIARI - Oltre tre anni di studio e ricerca tra gli archivi di Italia e Spagna e un sogno: ricostruire la storia aragonese nel Mediterraneo, dalla Penisola iberica a quella italica, lungo un viaggio della memoria
tra i Regni di Sicilia, Sardegna e Napoli. Protagonista ne è l'archivista Simona Serci, originaria di Iglesias, dottore di ricerca in Scienze
librarie e documentarie presso La Sapienza di Roma e attualmente in servizio presso l'Archivio generale dell’Ordine carmelitano di Roma, che ha firmato per la prima volta uno studio completo sui complessi documentari conservati negli Archivi di Stato di Cagliari, Palermo, Napoli e Barcellona, ma anche presso diversi archivi storici comunali.

Esito ne è una ricerca enciclopedica di oltre 700 pagine vincitrice del Premio nazionale Bibliographica e confluita in un volume dal titolo "Corona d'Aragona e Mediterraneo" pubblicato dall'Editoriale Documenta, che l'autrice presenterà giovedì 28 novembre alle ore 16. 30 presso l'Aula Roberto Coroneo della Cittadella dei Musei di Cagliari, in un incontro promosso dal Dottorato di ricerca in Storia dell'Università di Cagliari in collaborazione con la Biblioteca di Sardegna.

A parlarne con l'autrice sarò un ricco parterre di relatori composto da Mariangela Rapetti, Cecilia Tasca e Olivetta Schena dell'Università di Cagliari e da Gemma T. Colesanti dell'Isem-Cnr di Roma. «Il lavoro — spiega la storica Olivetta Schena — colma un vuoto nella storia degli archivi sorti per iniziativa dei sovrani della Corona d’Aragona nei Regni di Sardegna, Sicilia e Napoli, con un obiettivo ambizioso ma pienamente centrato che è stato quello di ricostruire i complessi documentari così come si sono sedimentati e sono stati tramandati nel tempo, senza trascurare gli eventi che ne hanno alterato l’ordine originario, in seguito ad incuria, calamità o successivi interventi di riordino della documentazione».
Commenti
12:00
Appuntamento venerdì 24 gennaio, alle 10, nel salone Giordo della Cisl in via IV Novembre 53. L’apertura dei lavori affidata a una tavola rotonda dedicata al rapporto tra consumatore e utenze
20/1/2020
Il Consiglio comunale ha votato all´unanimità l´attribuzione della cittadinanza onoraria alla senatrice. E´ un «segno di riconoscimento universale della lotta di ogni forma di discriminazione e violenza e per l’opera profusa per il mantenimento della memoria della tragedia della Shoah di cui fu vittima e per il suo impegno per i diritti dell’uomo, che incoraggia tanti giovani, uomini e donne a proseguire questa fondamentale opera educativa per non dimenticare le tragedie e gli orrori del passato e seminare semi di pace, di tolleranza e fratellanza»
© 2000-2020 Mediatica sas