Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesassariCronacaSanità › L´Aou di Sassari dalla parte delle donne
Red 12 dicembre 2019
La Fondazione Onda riconosce due “bollini rosa” all´Azienda ospedaliero universitaria di Viale San Pietro ed una menzione speciale per l´impegno nella prevenzione, diagnosi e cura della “depressione in un´ottica di genere”
L´Aou di Sassari dalla parte delle donne


SASSARI – Due “bollini rosa” per essersi distinti nell’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili. È il riconoscimento ricevuto ieri (mercoledì), a Roma, dall'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari e conferito dalla Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, che lo ha assegnato anche ad altri 334 ospedali italiani. All'Aou di Sassari, inoltre, è andata anche una menzione speciale per essersi distinta nell'impegno sul tema della “depressione in un'ottica di genere”. A ritirare il premio era presente Liliana Lorettu, direttore della Clinica psichiatrica dell'Aou, che ha ricevuto la targa con i bollini rosa dalle mani della presidente Onda Francesca Merzagora e del presidente del Comitato scientifico Onda e presidente Sinpf Claudio Mencacci. «È per noi un orgoglio – afferma Lorettu – si rinnova un evento che ci vede protagonisti da alcuni anni. Un riconoscimento che è espressione di un impegno e di un'attenzione verso la salute della donna».

Quest'anno, ai due bollini, l'Aou di Sassari aggiunge anche una “menzione speciale”, che Fondazione Onda ha assegnato a dieci ospedali con i bollini rosa, che si distinguono per l'impegno nella prevenzione, diagnosi e cura della “depressione in un'ottica di genere”. Una patologia che riguarda 3milioni di persone in Italia, tra cui più di 2milioni di donne. Un'attenzione che l'Aou di Sassari ha mostrato con i programmi realizzati proprio dalla Clinica psichiatrica di San Camillo. «I due bollini rosa confermano il nostro impegno per la cura e dell’assistenza delle patologie che riguardano da vicino le donne – aggiunge il direttore generale dell'Aou di Sassari, che commenta il riconoscimento – che ci spinge a migliorarci ulteriormente nonostante le criticità e il difficile scenario della sanità locale e nazionale». La valutazione delle strutture ospedaliere e l'assegnazione dei bollini rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da quasi 500 domande, suddivise in diciotto aree specialistiche, due in più rispetto alla precedente edizione per l'introduzione di dermatologia e urologia. Un’apposita commissione multidisciplinare ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura, considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza ed il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Tre i criteri di valutazione con cui sono stati valutati gli ospedali candidati. Il primo è la presenza di specialità cliniche, che trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati. Il secondo criterio è la presenza di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenziali in grado di assicurare un approccio efficace ed efficiente in relazione alle esigenze ed alle caratteristiche psico-fisiche della paziente. Il terzo è relativo ad ulteriori servizi per garantire un'adeguata accoglienza e degenza della donna tra cui il supporto di volontari, la mediazione culturale e l'assistenza sociale. Le aree specialistiche di interesse valutate nel programma bollini rosa ed attive nell'Aou sassarese sono: Cardiologia, Diabetologia, Dietologia e nutrizione, Endocrinologia e malattie del metabolismo, Geriatria, Ginecologia e ostetricia, Medicina della riproduzione, Neonatologia e patologia neonatale, Neurologia, Oncologia ginecologica, Oncologia medica, Pediatria, Psichiatria, Reumatologia, Senologia chirurgica, Violenza sulla donna.

Nella foto: Francesca Merzagora, Liliana Lorettu e Claudio Mencacci
Commenti
20/1/2020
Il progetto “Picc Center – Accessi venosi”, coinvolge direttamente Medici e Infermieri della unità operativa di Anestesia e che punta a formare e uniformare i comportamenti di gestione degli accessi venosi
8:08
L´Emporio della solidarietà di Sassari lo ha donato nei giorni scorsi alla locale Clinica diretta dal professor Roberto Antonucci, alla presenza della coordinatrice infermieristica Anna Maria Zara
21/1/2020 video
Le drammatiche condizioni in cui versa la sanità ad Alghero con il protrarsi della chiusura delle sale operatorie dell´ospedale Marino e le inefficienze conclamate di molti servizi, al centro della mozione presentata nella seduta di lunedì in consiglio comunale (era agli atti da ottobre). Ad illustrarla, a nome dell'intera minoranza, il consigliere ed ex sindaco Mario Bruno. Si tratta di un passaggio fortemente voluto ed atteso anche dal comitato a difesa del "Marino". Nella prossima seduta si aprirà la discussione. Su Alguer.it le immagini dall´aula di via Columbano.
16:13
«Per poter vedere un medico con il servizio sanitario nazionale dopo quasi 4 giorni , ci sono volute 120 chiamate, parecchi tentativi on line, una sveglia di prima mattina, e ancora due biglietti del bus e quaranta minuti di attesa», questo l´allarme lanciato da Francesco Mattana, rappresentante in Sardegna dell´associazione AltroConsumo
21/1/2020
Interventi cranici e spinali: un nuovo macchinario proietta nel futuro il Mater Olbia Hospital. La nuova TAC intraoperatoria si avvale di un avanzato sistema di navigazione chirurgica che consente al neurochirurgo di vedere “al di là” dei propri occhi. Si parla di un investimento di 1 milione di euro
20/1/2020
Venerdì 24 gennaio, nelle sale della Camera di commercio di Sassari, è in programma il corso-convegno sulle “Prospettive immunologiche in onco-ematologia” dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
© 2000-2020 Mediatica sas