Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroPoliticaSanitàAcabaura: coi primari incontro inutile
Cor 17 febbraio 2020
Acabaura: coi primari incontro inutile
L´associazione di Alghero rilancia: «Per rilanciare la sanità algherese abbiamo bisogno di una politica forte e compatta e di figure dirigenziali all’interno dell’ATS nominate per meriti e non per appartenenze politiche»


ALGHERO - «Il tentativo di riportare al centro dell’agenda politica il tema della sanità e del futuro dei due presidi ospedalieri cittadini è da considerarsi apprezzabile. Tuttavia non possiamo esimerci dal giudicare di scarsa utilità l’incontro tra il Sindaco di Alghero e i primari dei reparti ospedalieri del Civile e del Marino, avvenuto di recente presso la sede del Consiglio Comunale. Il giudizio negativo consegue al fatto che un tavolo di concertazione che si prefigga come obiettivo quello di porre fine al depotenziamento e declassamento dei nostri ospedali, non può mancare dei due principali interlocutori, la Regione e i vertici ATS, dalle cui scelte dipende il destino della nostra sanità. Un incontro che poteva avere il carattere dell’operatività, segnando un primo vero passo in avanti, si è trasformato ancora una volta in un semplice scambio di idee». Così l'associazione algherese in difesa della sanità, Acabaura, all'indomani dell'incontro tra i il sindaco di Alghero e i primari [GUARDA].

«Non è più tempo di acquisizione di dati, le problematiche dei nostri due nosocomi le conosciamo sin troppo bene, ma è tempo di fare scelte precise che evitino di penalizzare ulteriormente il nostro territorio a vantaggio di altre zone della Sardegna. E’ in questo senso che chiediamo l’assunzione di responsabilità da parte del Sindaco Conoci, perché ottenga al più presto una programmazione certa che dia finalmente ad Alghero quei servizi ospedalieri di alta qualità che una cittadina turistica di 40 mila abitanti merita. E’ arrivato il momento di pretendere dall’ATS l’immediata attivazione delle nuove specialità che consentano all’Ospedale Civile di essere classificato come presidio di primo livello. E’ arrivato il momento di chiedere alla Regione di andare in deroga al Decreto Balduzzi, appellandosi all’Art.3 del medesimo Decreto, di modo che il nostro Ospedale Civile sia dotato di autonomia funzionale rispetto all’Ospedale di Ozieri, vista la sua posizione strategica fra un porto ed un aeroporto, e il suo importante ruolo di diagnosi e cura non solo per i residenti ad Alghero ma anche per gli abitanti del circondario e i non residenti».

«L’Ospedale Civile deve ritornare ad essere il presidio di riferimento del territorio per le specialità a più larga diffusione e deve diventare il riferimento di I livello per l’Hub di Sassari. Un ospedale moderno, con servizi ben strutturati ed efficienti, come noi lo immaginiamo nel futuro, non solo è in grado di garantire la salute dei cittadini ma rappresenta anche una fonte di sviluppo economico considerato che i turisti scelgono il luogo della loro vacanza anche in funzione della presenza di strutture ospedaliere ben organizzate. E, in attesa che l’Ospedale Civile sia adeguato per ospitare il reparto di ortopedia e traumatologia, chiediamo che il Sindaco Conoci ottenga il temporaneo, immediato ripristino di tali attività presso l’Ospedale Marino, ora sospese sine die, esercitando il proprio peso politico sui vertici dell’ATS affinchè l’Azienda Sanitaria ponga rimedio alle problematiche di personale e sicurezza sollevate negli ultimi mesi».

«La sorte dei due nosocomi merita certamente grande attenzione ma ciò non deve farci dimenticare che abbiamo anche un distretto sanitario in grande sofferenza, divenuto nel tempo incapace di dare risposte di salute appropriate alle richieste della popolazione. L’aumento della vita media e il conseguente cambiamento nell’assetto demografico hanno comportato un cambiamento dei bisogni a causa dell’incremento nell’incidenza di patologie croniche e della richiesta socio-assistenziale legata alla condizione di vecchiaia e solitudine. Il sistema non ha saputo seguire e fronteggiare tale cambiamento determinando un eccessivo ricorso all’ospedale, con accessi impropri al Pronto Soccorso, ricoveri inappropriati particolarmente nei reparti di medicina a causa di un Distretto completamente impreparato a dare risposte di tipo sanitario, socio-sanitario, socio assistenziale, ad una utenza sempre più affetta da patologie di tipo cronico».

Per rendere più razionale ed efficiente l’offerta sanitaria complessiva, è necessaria una gestione condivisa delle cure, con integrazione delle attività ospedaliere con quelle del territorio, secondo un modello circolare in cui gli ospedali operano in stretta relazione e collaborazione con i servizi del territorio. Ci auguriamo che il nuovo Direttore di Distretto Socio-Sanitario di Alghero, di cui si attende la nomina, abbia competenze ed esperienza tali da garantire capacità di gestione delle risorse umane, tecniche, finanziarie, per assicurare tutte quelle prestazioni sanitarie di prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione che la sanità del territorio dovrebbe erogare e per realizzare l’integrazione tra i diversi servizi in modo da consentire risposte coordinate e continuative ai bisogni della popolazione.
Commenti
20:10 video
A Porto Torres i casi di cittadini positivi sono sei. Altre 16 persone in quarantena obbligatoria. «Oggi è arrivato il documento ufficiale con i dati relativi a Porto Torres. In totale contiamo sei casi accertati di positività al Covid-19. Altre sedici persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia sono sottoposte al regime di quarantena»
19:45
Per spiegare la situazione e non allarmare familiari e concittadini sassaresi, la Direzione della struttura di Via Piandanna 4 ha dichiarato che al manifestarsi dei primi sintomi, gli ospiti sono stati isolati, seguendo le linee guida regionali
20:33
Lo assicura il sindaco di Alghero, Mario Conoci. «Le nostre pressanti richieste iniziano a dare i primi frutti, dai sindaci della Sardegna è arrivato un contributo importante all´accordo che sarà definito e reso noto a livello nazionale»
26/3/2020
«Vengano effettuati i test a tutti, personale sanitario, anziani residenti e a tutti i loro familiari», chiede il sindaco di Porto Torres, che ha scritto alla Regione autonoma della Sardegna ed all’Azienda di tutela della salute
19:28 video
Il consigliere comunale del Gruppo X Alghero Pietro Sartore, a nome di tutto il Centrosinistra cittadino ribadisce la necessità che la Regione autonoma della Sardegna fornisca i dati precisi sull'andamento dell´epidemia di Covid-19 Comune per Comune e, in particolare, viene richiesto che vengano resi noti i dati relativi ad Alghero
26/3/2020
«Non vogliamo medici e infermieri eroi ma medici e infermieri sicuri». Così Mariano Brianda, Coordinatore del Comitato "Siamo Tutti Importanti" che chiede le immediate dimissioni dell´assessore alla Sanità della Regione
26/3/2020
Giovanni Maria Soro nuovo commissario dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari. L'annuncio è arrivato pochi minuti fa, durante la conferenza stampa del presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas. Affiancherà la direzione sanitaria. Stesso ruolo ad Olbia per Stefano Vella
27/3/2020
Nonostante le richieste, dalla Regione non vengono forniti i dati ufficiali sull´emergenza Covid profilati per comune. Un fatto abbastanza grave e inusuale, che espone le redazioni e priva tutti i cittadini di informazioni essenziali in momenti tanto delicati. Il caso Alghero
27/3/2020
A dare la comunicazione sul nuovo decesso il sindaco di Santa Teresa di Gallura. Le altre due vittime erano originarie di Monti e di Trinità d’Agultu e Vignola.
9:13
Sono stati attivati dall´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari servizi sia dalla Struttura di Psicologia ospedaliera, sia dall’Unità operativa Psichiatrica
15:05
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas annuncia le 586 assunzioni straordinarie di personale sanitario in Sardegna, tra infermieri (il 47percento del totale), medici e specializzandi (il 16 e l’8percento), oss, tecnici di laboratorio ed altre figure (il restante 29percento)
26/3/2020
«In questi giorni difficili, sono stati tanti gli attestati di solidarietà da parte di semplici cittadini e di aziende, ma anche le comunità straniere presenti nell´Isola hanno dimostrato la loro vicinanza al popolo sardo ed alle Istituzioni», dichiara l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis
27/3/2020
«E´ operativo presso la base aerea di Decimomannu un elicottero HH-212 adibito per il trasporto aereo in bio-contenimento, attività svolta dell’Aeronautica militare quale concorso alle operazioni di trasferimento per emergenza sanitaria», ha dichiarato ieri il sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi
18:30
Articolo aggiornato in tempo reale con l'evolversi dei contagi da CoronaVirus in Sardegna. Dei malati, 95 sono ricoverati in ospedale (22 in terapia intensiva), mentre 452 sono in isolamento domiciliare. Numerosi gli asintomatici. In totale, nella regione sono stati eseguiti 4225 test.
10:00
Sarà operativo dalla giornata odierna - sabato 28 marzo - dalle ore 8 alle 20 il numero verde dedicato a tutti i sindaci sardi per comunicare con la struttura di emergenza al coronavirus
26/3/2020
Lo afferma il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, esprimendo grande apprezzamento per il lavoro fin qui svolto dalla Protezione civile regionale
27/3/2020
I direttori dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari ringraziano il personale per il coraggio e la generosità dimostrata in questo periodo di grande emergenza. Inviata una lettera ai dipendenti ed ai direttori di struttura
26/3/2020
Il Sindaco di Alghero, Mario Conoci, ha chiesto ed ottenuto il rientro in servizio dell´ex Primario di Anestesia, dott. Giuseppe Liperi, per collaborare in questa fase di estrema criticità. In città peraltro, a causa di una discutibile gestione dell´emergenza, non si ha notizia di quanti positivi certi al Covid-19 vi siano tra la popolazione e tra gli operatori sanitari
26/3/2020
Si tratta di una prima tranche, che verrà distribuita alle Amministrazioni comunali appartenenti al territorio per aiutare a colmare la carenza soprattutto nelle strutture socio sanitarie dei dodici Comuni
26/3/2020
«La situazione nel reparto di Cardiologia-Utic-Emodinamica del Presidio ospedaliero Giovanni Paolo II di Olbia e negli altri presidi ospedalieri sardi in questo periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19 è critica e non più tollerabile», scrive il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Carla Cuccu


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)