Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroPoliticaSanità › Fratelli d´Italia: obbiettivo Sanità
Red 20 febbraio 2020
Fratelli d´Italia: obbiettivo Sanità
Il Team Sanità del Circolo “Azione Alghero” di FdI punta la luce su un tema fondamentale, a pochi giorni dalla manifestazione che si è tenuta davanti all´Ospedale Marino “Regina Margherita”


ALGHERO - «Vista l'importanza del tema è indispensabile parlare di Sanità e farlo andando oltre le crisi momentanee, affrontando seriamente, con visione e ascoltando attentamente operatori e utenti: per il bene di Alghero e del nord-ovest della Sardegna. Sabato la città si è raccolta per parlare con una sola voce in difesa dell’Ospedale Marino». Il Team Sanità del Circolo “Azione Alghero” di Fratelli d'Italia punta la luce su un tema fondamentale, a pochi giorni dalla manifestazione che si è tenuta davanti all'Ospedale Marino “Regina Margherita”. «Il nostro impegno – proseguono - è di non dimenticare il Civile e avanzare proposte concrete per affrontare le criticità della struttura in tutte le sedi opportune. Come ha sottolineato il nostro consigliere comunale Christian Mulas nel suo intervento, Alghero è una città a vocazione turistica internazionale: durante la stagione estiva, la popolazione presente sul territorio aumenta fino quasi a triplicare. Questo ovviamente vuol dire più persone che si rivolgono ai nostri medici e ai nostri infermieri. Alghero non è un piccolo Comune e per essere all'altezza del suo nome deve possedere strutture ospedaliere di livello, capaci di prendersi cura dei propri cittadini prima di tutto, ma anche dei visitatori».

«Occuparsi di rendere operativi ed efficienti tanto l’Ospedale Marino quanto l'Ospedale Civile di Alghero è fondamentale per la salute e per la sicurezza economica degli algheresi. Per questo – spiegano i Fratelli d'Italia - gli ospedali di Alghero devono ritornare ad essere dei punti di riferimento, efficienti, capaci di rispondere alle esigenze degli utenti. Non è tollerabile che i nostri cittadini siano costretti ad essere trasferiti e ricoverati presso il presidio ospedaliero di Ozieri o presso l'Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, con tutti i rischi e i disagi connessi, per il paziente e per i parenti. Le cause del pessimo stato di salute della sanità algherese sono chiare e sotto gli occhi di tutti: la “deforma” sanitaria del Centrosinistra di Pigliaru e l'inettitudine di Bruno che ha osservato complice e inerme l'opera di depotenziamento della sanità algherese, ma il tema va affrontato ora in maniera trasversale e bipartisan, perché la sanità riguarda tutti, senza protagonismi. Per prima cosa, è fondamentale la ripresa dell'attività operatoria ortopedica e traumatologica».

La proposta che il circolo Fratelli d'Italia Azione Alghero porterà avanti, con il supporto dei suoi rappresentanti istituzionali, riguarda anche l'attivazione del reparto di Terapia Semintensiva, ultimato da tre anni ed ancora inutilizzato, con assunzione del personale medico e sanitario dedicato; il completamento delle opere di ristrutturazione ed esercizio del blocco operatorio (nuove sale) del terzo piano, Ala Nord; la ristrutturazione dei reparti delle Unità operative di Medicina donne, Ginecologia e Chirurgia al primo, secondo e terzo piano dell'Ala Ovest, e di quelli di Otorinolaringoiatria, Urologia, Oncologia ed Anestesia attualmente ubicati al quarto piano; il completamento dei lavori relativi alla Camera calda del Pronto soccorso e potenziamento degli spazi dedicati all'Osservazione breve intensiva. Ed ancora, il trasferimento del Servizio di Oncologia in locali più idonei, nell’Ospedale Marino, e potenziamento dello stesso; il potenziamento del Servizio di Psicologia ospedaliera; la ristrutturazione della Camera mortuaria e dei locali del seminterrato, mai interessati dai necessari lavori di riqualificazione; la ristrutturazione dei locali dell'ex Laboratorio Analisi da assegnare a strutture o servizi attualmente ubicati in locali non idonei o in sedi in locazione; il completamento dei lavori di adeguamento alle norme di legge relative alla sicurezza ed all'impiantistica (antincendio, nuovi impianti elevatori); una maggiore attenzione ed un miglioramento del servizio di preparazione e distribuzione dei pasti.

«Un discorso di efficienza strutturale e professionale – sottolinea il Team Sanità FdI - che investe e riguarda anche tutti quei servizi ed attività diffuse nel territorio che fanno capo al Distretto sanitario come l’Adi–Centro di salute mentale, Serd, ed a quelli erogati dai Servizi sociali del Comune e che per funzionare al meglio devono operare in rete ed in maniera integrata, perché non necessariamente tutto è ospedale. Il circolo Fratelli d'Italia Azione Alghero – concludono - contribuirà a tenere sempre alta l'attenzione su un tema così delicato ed essenziale per la nostra comunità, con l'obiettivo chiaro di ottenere in tempi rapidi due strutture moderne, ben organizzate dal punto di vista tecnologico, impiantistico, con nuove apparecchiature e un'adeguata dotazione di personale. Un contributo fondamentale all'immagine e allo sviluppo della città e del territorio».
Commenti
15:28
Un mese e mezzo lontani dal proprio Paese costretti a superare ostacoli e difficoltà prima di riuscire a prendere il volo giusto. Il racconto di Pietro Saiglia 59 anni, dipendente comunale a Porto Torres
19:38
Ai tre pazienti di mercoledì sera, al Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato si sono aggiunti i nove (tre pazienti, tre oss e tre infermieri) di ieri ed un infermiere oggi
8/4/2020
L’attuale vicenda che ancora una volta vede protagonista la costituenda terapia sub intensiva dell’Ospedale Civile di Alghero ha dell’incredibile, non tanto per il trasferimento dei due ventilatori/respiratori in sé, ma per la moltitudine degli annunci, “marce indietro” e operazioni di marketing politico che la vedono coinvolta
8/4/2020
«Attivare la Telemedicina e facilitare l´erogazione dei presidi» è la proposta del consigliere regionale di Cambiamo! Udc, rilanciata nel corso della Commissione Sanità, riunita oggi
7/4/2020
«Troppo ritardo nell´adozione del lavoro agile. E´ assurdo che l´azienda si sia fatta trovare così impreparata», dichiara Marianna Stara, componente della Segreteria regionale dell´Uilcom Sardegna, che sottolinea come l´Asl faccia i tamponi ai lavoratori in auto, davanti alla sede
8:24
Proseguono gli interventi dei medici militari in altre residenze assistenziali del nord Sardegna. Stavolta, medici ed infermieri si sono occupati degli ospiti della Casa di riposo “Papa Giovanni Paolo II”
8/4/2020
Interrogazione su servizio sanitario di emergenza tramite elicottero in Sardegna. Per immediato ripristino elisoccorso 24h per area centro-nord isola, anche per emergenza in atto
7/4/2020 video
«Tutte le apparecchiature saranno ripristinate, basta polemiche inutili». Senza nominare nessuno, ma infastidito chiaramente dalle polemiche divampate nelle ultime ore contro la Regione e l'Assessorato, dopo il trasferimento dei respiratori a Nuoro, il presidente del Consiglio regionale Michele Pais si rivolge direttamente agli algheresi utilizzando il canale social. «Non c´è nessun ripensamento sull'utilità del Reparto di Terapia intensiva su Alghero. Anzi, il direttore generale ne ha già disposto un piano operativo». Le sue parole piacciono al sindaco Mario Conoci, tirato in ballo pesantemente, anche lui, da molti gruppi consiliari
8/4/2020
Finisce con una dichiarazione ironica l´infuocata querelle che da giorni ha coinvolto Amministrazione algherese e Regione sull´apertura-chiusura della terapia Intensiva di Alghero


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)