Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notizieportotorresCronacaDanza › Mondo della danza in crisi: la petizione parte da Porto Torres
Mariangela Pala 20 marzo 2020
Mondo della danza in crisi: la petizione parte da Porto Torres
C’è un mondo culturale ed artistico che rischia di scomparire a causa del CoronaVirus. E’ il settore della danza che in tutta Italia con i suoi responsabili regionali lancia un appello alle Istituzioni


PORTO TORRES - C’è un mondo culturale e artistico che rischia di scomparire a causa del CoronaVirus. E’ il settore della danza che in tutta Italia con i suoi responsabili regionali lancia un appello alle Istituzioni. Giuseppina Perantoni, istruttore di danza e titolare della scuola Abc Danza a Porto Torres è anche la responsabile per la Sardegna che, insieme ai suoi colleghi dell’Isola, ha creato un gruppo per portare avanti una battaglia al fine di sopravvivere all’isolamento e all’inattività forzata che minaccia di rendere invisibile questa espressione artistica.

L’obiettivo è partire con una petizione regionale che sfoci in un unico appello nazionale, per smuovere le acque e dare un segnale di coesione capace di affermare che la danza non è un mondo invisibile, ma cultura e arte in grado di coinvolgere migliaia di ragazzi e ragazze che studiano questa disciplina. «Non siamo tutelati da alcuna legislazione e per questo ci siamo tutti stretti intorno al Coni per essere assistiti – spiega Perantoni – ma in questa situazione di emergenza sanitaria ci troviamo ad affrontare spese insostenibili, tra affitti e prestiti bancari. Il Coni ci dice soltanto “vedremo di fare qualcosa”, ma a noi questo non basta».

In attesa dell’incontro tra il Ministero della Salute e lo stesso Coni, ci sono insegnanti di danza o titolari di scuole Asd e Ssd (associazioni e società sportive dilettantistiche) che si autosostengono con le quote degli associati obbligati a saldare le spese necessarie per sopravvivere. Via, dunque, alla raccolta di firme in Sardegna che si unirà alle iniziative delle regioni più colpite come Lombardia e Veneto. «Pensiamo di arrivare almeno a 300 firme - aggiunge la responsabile regionale - che unite alle altre realtà nazionali rappresentano il tentativo di tenere vivo un mondo, dove il numero degli allievi della danza sono il doppio di quelli del calcio».
Commenti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)