Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroAmbienteAmbiente › «Maria Pia, 40mila alberi per i cittadini»
Red 13 maggio 2020
«Maria Pia, 40mila alberi per i cittadini»
Questa la proposta congiunta dei rappresentanti del Wwf Carmelo Spada, di Italia nostra Graziano Bullegas, del Grig Stefano Deliperi e della Lipu Francesco Guillot, in un territorio definito «bene comune nell´era post-Covid»


ALGHERO - Uno degli elementi decisivi per migliorare la qualità della vita in città è rappresentato dal verde urbano e peri-urbano inteso come l’insieme delle componenti biologiche che concorrono a determinare l’impronta funzionale e paesaggistica di un centro abitato in equilibrio ecologico con il territorio, esso è un vero e proprio sistema complesso, formato da un insieme di superfici e di strutture vegetali eterogenee, in grado di configurarsi come un bene di interesse collettivo e come una risorsa multifunzionale per la città e per i suoi abitanti. In questa direzione si muovono le politiche ambientali e di sviluppo sostenibile promosse a livello internazionale e nazionale. Le associazioni ambientaliste Gruppo intervento giuridico, Italia nostra, Lipu e Wwf, da anni, sottolineano l’importanza degli alberi specie nei contesti urbanizzati e la conseguente promozione di iniziative locali per lo sviluppo degli spazi verdi urbani nell’ottica del miglioramento ambientale e della sensibilizzazione della cittadinanza.

Il verde pubblico, se adeguatamente pianificato, progettato e gestito, può svolgere molte funzioni e produrre importanti benefici per l’ambiente e per la società determinando i cosiddetti servizi ecosistemici. La vegetazione garantisce effetti positivi sul clima locale, sulla qualità dell’aria, sui livelli di rumore, sulla stabilità del suolo e l’assorbimento di Co2 grazie all’attività fotosintetica ed alla capacità di fissare carbonio nei propri tessuti e di assorbire le sostanze gassose altamente concentrate in ambiente cittadino. Una “città verde”, oltre ad apparire esteticamente più apprezzabile anche a livello turistico, è in grado di incontrare i fabbisogni di ricreazione, relazione sociale, crescita culturale e di salute dei propri abitanti. Queste funzioni, anche nella logica del distanziamento sociale della fase post-Covid, richiedono per Alghero l’ampliamento delle attuali aree verdi (a Maria Pia ed in altre aree urbane e periurbane) con la messa a dimora di 40mila alberi «quale risarcimento per l’esigua disponibilità di verde pubblico pro-capite», dichiarano gli ambientalisti.

Infatti, un recente studio calcola in 57.800metri quadri «l’esigua quantità del verde pubblico di Alghero» comprendendo undici aree: dai Giardini Manno (14mila mq) a Piazza Maria Carta (700metri quadri). Ipotizzando una popolazione estiva di 80mila persone si ricava che ogni abitante di Alghero ha a disposizione 0,7mq; mentre in inverno (con 40mila abitanti), la superficie è doppia. «L’esiguità di tale disponibilità si evince rapportandola alla media nazionale, che è di 31,5metri quadri pro capite. Le associazioni ambientaliste Gruppo intervento giuridico, Italia nostra, Lipu e Wwf ritengono che Alghero possa diventare una città sostenibile e “verde” nell’era post-Covid, iniziando a compensare questo divario attraverso l’opera di piantumazione di Maria Pia e di altre aree urbane e periurbane con appropriate essenze. Spazi di verde pubblico vitali e alternativi a ulteriori metri cubi di cemento e a campi da golf. Si auspica un Puc che indichi prioritarie e chiare strategie di compensazione e ampliamento delle aree verdi della città di Alghero», concludono Stefano Deliperi, Graziano Bullegas, Francesco Guillot e Carmelo Spada.
Commenti
15:33
Lunedì, nella giornata dedicata alla ricorrenza per i Santi patroni Gavino, Proto e Gianuario, sarà svolto regolarmente il servizio di raccolta porta a porta dell´umido, mentre l´ecocentro comunale sarà chiuso. Martedì, Festa della Repubblica, non verrà effettuato il ritiro dell´indifferenziato e l´ecocentro resterà chiuso. Mercoledì, sarà garantita la raccolta delle frazioni di umido ed indifferenziato
27/5/2020
Da sabato 30 maggio e per tutto giugno, tre volte alla settimana, gli ecovolontari di Sassari ritornano con i loro banchetti informativi, dove stazionano le isole ecologiche mobili


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)