Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesardegnaCronacaCronaca › Rdc indebito: 158 persone nei guai
Red 24 giugno 2020
Rdc indebito: 158 persone nei guai
La Guardia di finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio ed al controllo della spesa pubblica, ha sottoposto a verifica le condizioni legittimanti la fruizione del Reddito di cittadinanza da parte dei beneficiari


CAGLIARI - La Guardia di finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio ed al controllo della spesa pubblica, ha sottoposto a verifica le condizioni legittimanti la fruizione del Reddito di cittadinanza da parte dei beneficiari. Il diritto al Rdc subisce una contrazione al verificarsi di situazioni che non ne legittimano più la concessione. Uno dei casi previsti è relativo a persone detenute nelle case di detenzione per il tempo della custodia. Così, sono state verificate le posizioni dei soggetti risultati, dal marzo 2019, aver scontato un periodo di carcerazione in una delle dieci strutture presenti nel territorio sardo. Dal riscontro, è emerso che 158 persone hanno indebitamente percepito il Reddito di Cittadinanza.

L'analisi nella casa circondariale di Uta ha portato complessivamente ad individuare ottantaquattro posizioni irregolari. Sono 40 le persone che, durante il relativo periodo di permanenza carceraria, sono risultati direttamente richiedenti e destinatari del Reddito di cittadinana. Le restanti quarantaquattro posizioni hanno riguardato i familiari dei detenuti: gli stessi, omettendo di indicare nelle domande di richiesta del Rdc la condizione detentiva del membro del proprio nucleo familiare, riuscivano a far rientrare la propria posizione reddituale nei canoni previsti per la corresponsione del beneficio. Quattordici hanno indicato falsamente nel modulo di domanda presentata all’Inps che il nucleo familiare risultava costituito anche dal congiunto di cui si ometteva di precisarne la condizione detentiva. Invece, gli altri trenta non hanno comunicato l’intervenuta carcerazione del congiunto, facendolo ancora figurare nel nucleo familiare e continuando così a percepire indebitamente il sussidio.

Le posizioni dei soggetti transitati per la detenzione nelle case circondariale di Alghero “G.Tomasiello”, Arbus “Is Arenas”, Isili, Lanusei “San Daniele”, Nuoro “Badu' e Carros”, Onani “Lodè Mamone”, Oristano “Salvatore Soro”, Sassari-Bancali “Giovanni Bachiddu” e Tempio Pausania “P.Pittalis” ha portato all’emersione di settantaquattro posizioni irregolari, di cui ventisei direttamente riconducibili a soggetti sottoposti a custodia cautelare in carcere. Le restanti quarantotto posizioni hanno riguardato i familiari dei detenuti, che hanno falsamente prodotto o evitato di effettuare variazioni del proprio stato di famiglia all’Inps per continuare a beneficiare del sussidio: trentaquattro hanno indicato la presenza nel nucleo familiare del congiunto detenuto, mentre quattordici hanno omesso di comunicare l’avvenuta carcerazione di un componente familiare. Nel novero dei detenuti indebiti percettori figurano, soggetti sottoposti a misura detentiva, sia cautelare che come pena, per i reati che vanno dal traffico di sostanze stupefacenti all’omicidio, dalla rapina alla violenza sessuali, e persino casi di associazione a delinquere di stampo mafioso. Tutti i soggetti individuati sono stati segnalati all’Inps per il recupero dell’indebito beneficio, di cui novantadue anche denunciati all’Autorità giudiziaria poiché diretti firmatari della domanda di corresponsione del beneficio. L’importo complessivo delle somme indebitamente conseguite, a seguito del calcolo eseguito dalle Fiamme gialle, ammonta a 548.112euro.
15:26
Sebbene sottoposto alla misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno nel territorio comunale di Budoni, il marocchino è stato sorpreso mentre si aggirava tranquillamente e senza giustificato motivo in una pubblica via della cittadina costiera gallurese
13/7/2020
I militari della Stazione di Budoni hanno smascherato un cittadino colombiano, residente in Campania, che, spacciandosi per il sindaco di una nota località del nord Italia, acquistava biglietti aerei in un’agenzia di viaggi del luogo, fornendo copia dei documenti del primo cittadino, ma senza mai corrisponderne il pagamento
13/7/2020
Ieri mattina, i militari dell’Aliquota Radiomobile di Isili hanno rintracciato in aperta campagna una bambina che, durante una passeggiata, aveva fatto perdere le proprie tracce allontanandosi senza alcun avviso ai propri familiari
12/7/2020
«Purtroppo una disgrazia annunciata, frutto di scelte politiche rivolte contro il settore turistico e la sicurezza delle spiagge libere», denunciano i vertici di Federbalneari Sardegna
13/7/2020
I militari della Sezione Operativa Navale di Olbia hanno concluso un’operazione di servizio a contrasto dei reati ambientali, sottoponendo a sequestro un’area della superficie di circa 15mila metri quadri in località Marinella, adibita a discarica abusiva, dove sono stati individuati rifiuti speciali e non, abbandonati sul suolo in maniera incontrollata
11/7/2020
I giovani avevano approfittato di un attimo di distrazione di una signora nella chiesa parrocchiale de La Caletta per trafugarle la borsa contenente denaro, documenti e vari effetti personali
12/7/2020
Per cause non ancora chiarite, Matteo Pattitoni, originario di Calangianus, ma residente ad Olbia, è deceduto in seguito ad un malore mentre faceva il bagno nelle acque della spiaggia olbiese ad un paio di metri dalla riva
12/7/2020
La scorsa settimana, la Base Logistico operativa navale del Cfva di Palau ha rinvenuto, nelle acqua antistanti l´isola di Santo Stefano, in località Villa Marina, 150 nasse, alcune rudimentali costituite da cassette di plastica ed altre professionali, che sono state prontamente salpate e sottoposte a sequestro preventivo in attesa di convalida da parte dell´Autorità giudiziaria


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)