Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesassariCronacaCronaca › Anti-contraffazione: interventi nel Sassarese
Red 24 luglio 2020
Anti-contraffazione: interventi nel Sassarese
Il Comando provinciale di Sassari della Guardia di finanza ha intensificato la lotta alla contraffazione ed alla vendita abusiva in tutta la provincia


SASSARI - Il Comando provinciale di Sassari, nel pieno della stagione estiva, ha intensificato i controlli a contrasto del commercio illegale di prodotti contraffatti e non sicuri. Gli obiettivi sono, da un lato, il costante presidio delle spiagge e degli altri luoghi dove i venditori abusivi possono trovare il maggior numero di acquirenti e, dall’altro, cercare di intercettare a monte l’approvvigionamento della merce contraffatta in arrivo nell’Isola. Proprio in questo contesto, negli ultimi due giorni sono stati portati a termine più interventi da parte del Gruppo di Olbia, della Compagnia di Sassari e della Tenenza di Porto Torres.

I militari di Porto Torres hanno controllato un senegalese che trasportava sulle spalle un voluminoso pacco, risultato poi contenere 150 articoli di pelletteria, tra borse e cinture, contraffatti e recanti i marchi di prestigiose case di moda internazionali probabilmente destinati alla vendita nelle spiagge della Costa Smeralda, che si apprestava a raggiungere. Invece, i militari di Olbia e di Sassari hanno sequestrato in collaborazione otto smartphone contraffatti di alta gamma e dei più noti brand del settore. In particolare, nel corso di un controllo su strada è stata fermata un’auto condotta da un giovane campano che deteneva due smartphone ancora confezionati con numerosi scontrini fiscali di un noto gruppo della grande distribuzione di articoli hi-tech. Insospettiti dalla circostanza, i finanzieri hanno approfondito il controllo rilevando discordanze tra codici Imei, incongruenze negli scontrini fiscali e che i telefoni erano stati spediti in Sardegna in diverse filiali di uno spedizioniere.

I riscontri nelle filiali di Sassari di Olbia dello spedizionere hanno permesso di sequestrare gli altri sei smartphone, contraffatti e verosimilmente pronti per la vendita ad ignari turisti delle coste del nord Sardegna. Gli interventi hanno portato alla denuncia dei due uomini per ricettazione e per il reato di “introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”. E' in corso un’attività investigativa ad ampio raggio condotta anche grazie agli input dei Reparti speciali del Corpo, con la finalità di individuare ulteriori fattispecie di traffici illeciti e contrastare la vendita abusiva di merce contraffatta, a tutela dei contribuenti che operano nella legalità in questo periodo di rilancio dell’economia del Paese. L’attività di controllo in argomento sarà condotta in tutta la provincia di Sassari attraverso un ingente dispiegamento di militari sia lungo i litoranei e le spiagge, sia nei luoghi di arrivo e smistamento della merce
30/9/2020
Simula un furto per evitare l’etilometro: denunciato dai carabinieri di Porto Torres un 32enne con l´accusa di simulazione di reato. L´uomo è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari
21:04
Ieri, a Santa Maria Coghinas, i militari del Nucleo Ispettorato del lavoro, coadiuvati dai colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Valledoria, hanno deferito in stato di libertà i titolari di due imprese edili della zona per mancato rispetto di leggi in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro
19:14
Nell´ultima settimana, è stato sanzionato anche un locale che abbandonava bustoni ai piedi dei cassonetti in Via Brigata Sassari e otto attività che hanno fatto volantinaggio senza rispettare le regole
30/9/2020
Prosegue l’azione della Polizia locale per far rispettare le ordinanze sindacali di contrasto al coronaviru e negli ultimi giorni sono state sanzionate nove persone
29/9/2020
I Carabinieri della locale Stazione hanno sanzionato la 54enne titolare di un bar di Corso Vittorio Emanuele perché, ieri sera, ha permesso l´accesso nell´esercizio pubblico ai clienti in un ambiente che non permetteva il distanziamento sociale e perchè gli addetti alla somministrazione di bevande erano sprovvisti di mascherina
29/9/2020
Gli occupanti dell’appartamento, tre donne, hanno riportato diverse ustioni e per una di esse è stato disposto il trasporto all’ospedale per accertamenti e cure
28/9/2020
A renderlo noto sono i rappresentanti di Reset UniCa, che sottolineano come la situazione di quanto accaduto nella struttura dell´Università degli studi di Cagliari sia «di una gravità inaudita: se fosse successo solamente poche ore più tardi, l´incolumità di noi studentesse e di noi studenti sarebbe stata messa seriamente a repentaglio»


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)