Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroPoliticaSanità › Sanità: Opposizione chiede Consiglio straordinario
Red 27 ottobre 2020
Sanità: Opposizione chiede Consiglio straordinario
«La situazione della sanità in città è oramai allo sfascio», è l´allarme lanciato da Gabriella Esposito, Mario Bruno, Pietro Sartore, Raimondo Cacciotto, Ornella Piras, Valdo Di Nolfo, Mimmo Pirisi, Roberto Ferrara e Graziano Porcu


ALGHERO - «Mettere la sanità pubblica al servizio di tutti, specie di chi più ha bisogno è quanto da noi sempre sostenuto. Ma va fatto bene. Per questo chiediamo immediata convocazione straordinaria del Consiglio comunale. La situazione della sanità in città è oramai allo sfascio. Dopo che nei giorni scorsi era stata smantellata l’Endoscopia, ora tocca a Ortopedia e Traumatologia, Riabilitazione, Oculistica, Diabetologia, Dermatologia, Pneumologia, Farmacia territoriale e sale operatorie chiudere, per fare posto a un ospedale Covid. E anche il punto nascita è a rischio». A lanciare l'ennesimo allarme sul tema e l'Opposizione algherese, unitaria sul punto.

«Al Civile, essendo stato aperto il Reparto di Terapia intensiva senza prima assumere personale, viene chiusa tutta l'attività chirurgica ordinaria con otto anestesisti su tredici spostati in Terapia subintensiva per Covid. Oggi (lunedì, per chi legge, ndr.) è appena arrivato il primo paziente Covid da Sassari. Entrato dalla porta principale, perché non c’erano le condizioni per un percorso dedicato. Si possono trovare altre soluzioni per un ospedale Covid e noi faremo la nostra parte per individuarle – dichiarano Gabriella Esposito, Mario Bruno, Pietro Sartore, Raimondo Cacciotto, Ornella Piras, Valdo Di Nolfo, Mimmo Pirisi, Roberto Ferrara e Graziano Porcu - con senso di responsabilità come già stiamo facendo, ma non si può in pochi giorni riconvertire una terapia intensiva, nata come polispecialistica e postoperatoria, ora solo per pazienti Covid, senza accreditamento e senza percorsi e filtri di sicurezza, senza anestesisti in numero sufficiente. Senza addirittura atto alcuno che la consideri aperta. E' chiaro, come detto, che per questo verranno ridotti al minimo o annullati le altre prestazioni e i servizi altrettanto vitali, compresi gli interventi chirurgici. Dove andranno a farsi curare gli algheresi?».

«Al Marino, invece, è stata data disposizione di liberare i posti letto da adibire a Covid. Saranno quarantasette in tutto come da delibera. Ma ancora non c'è nessuna chiarezza sui percorsi di sicurezza e non si sa con quale personale medico si potrà agire. Per questo – insistono i membri della Minoranza - chiediamo con forza che, invece di requisire il Marino, venga realizzato un ospedale da campo come è avvenuto a Nuoro. Nel mentre, i sindacati, che hanno preso una posizione forte e netta contro queste scelte, vengono convocati (on-line) dal prefetto. I medici e gli operatori sono fortemente preoccupati. I cittadini comprensibilmente disorientati. Le scelte che si stanno facendo d’altronde nulla hanno a che fare con il Piano strategico di attivazione progressiva di strutture di area critica in regione Sardegna, approvato in marzo, che individuava gli ospedali di Alghero come strutture da dedicare ai pazienti no Covid. Nel frattempo, il sindaco Conoci, cioè la massima autorità sanitaria della città, e l'unico consigliere regionale di Alghero, Michele Pais, muti e senzienti mentre si consumava la follia di una Terapia intensiva Covid all'interno di un ospedale non Covid e senza i necessari percorsi di sicurezza e mentre veniva requisito l'Ospedale Marino, provano a balbettare qualcosa. Nella sostanza, il quadro incredibile che ne viene fuori è che la massima autorità cittadina e il presidente del Consiglio regionale sarebbero stati completamente scavalcati nelle scelte che riguardano la sanità della loro città. Il presidente Pais dichiara addirittura che della scellerata scelta del Marino come ospedale Covid non sapeva nulla. A questo punto non gli resta altro da fare se non dimettersi immediatamente, in quanto, se veramente non sapeva, vuol dire che a Cagliari non conta proprio niente», concludono Esposito, Bruno, Sartore, Cacciotto, Piras, Di Nolfo, Pirisi, Ferrara e Porcu.
Commenti
17:00
Si sono registrati otto decessi, tre residenti nella Città metropolitana di Cagliari, due nella provincia del Sud Sardegna e tre rispettivamente nelle province di Sassari, Oristano e Nuoro. Sono stati rilevati 157 nuovi casi attraverso attività di screening e 172 da sospetto diagnostico
20:03
Si sono registrati quattro decessi, due nella Città metropolitana di Cagliari, uno in provincia di Sassari e uno in provincia di Oristano. Sono stati rilevati 185 nuovi casi attraverso attività di screening e 231 da sospetto diagnostico
14:06
Giovanni Baldassarre Spano (presidente Comitato Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino) e Paola Correddu (per il Comitato Acabàura) chiedono formale impegno al sindaco Mario Conoci, quale massima autorità sanitaria cittadina
14:56
Con una lettera indirizzata all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, al commissario straordinario dell’Ares Massimo Temussi e agli uffici territoriali competenti, i sindaci dell’Unione del Coros chiedono la riapertura dei due ambulatori di igiene pubblica
28/11/2020
Alessandro Nasone e Andrea Farris, a nome della Segreteria provinciale del sindacato, ha inviato una lettera ai vertici della Regione autonoma della Sardegna per richiedere l´utilizzo della graduatoria del personale sanitario dell´Ats e l´autorizzazione ad avviare una nuova selezione di infermieri per l´Aou Sassari


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)