Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notizienuoroAmbienteParchi › Parco Tepilora: chiuso il primo corso
Red 28 novembre 2020
Parco Tepilora: chiuso il primo corso
Concluso con successo il primo corso di formazione tenuto in Sardegna per tredici assistenti e accompagnatori di Birdwatching. Il corso, di secondo livello, è durato circa tre mesi


BITTI – E' durato circa tre mesi il corso di secondo livello, il primo tenuto in Sardegna, dedicato alla formazione di tredici assistenti/accompagnatori di Birdwatching. Padrone di casa il Parco naturale regionale di Tepilora, che ha avviato le attività grazie alla preziosa collaborazione del fotografo naturalista Domenico Ruiu: al suo fianco, importanti studiosi del settore come Danilo Pisu, ornitologo e fra i maggiori esperti di settore sul panorama nazionale.

Lezioni in videoconferenza e uscite sul campo nel rispetto delle direttive anti-Covid hanno caratterizzato le fasi di lavoro dei discenti: tredici partecipanti fra operatori dei Ceas dell’area Parco, guide ambientali o laureati in materie affini, due dipendenti dell’Agenzia regionale Forestas, che gestisce buona parte dell’area protetta, e un esperto proveniente da un’associazione escursionistica nazionale riconosciuta. La didattica pandemica non ha comunque impedito a “Su Putzonarju”, così è soprannominato Ruiu per i suoi straordinari lavori fotografici realizzati sui volatili in tanti areali della Sardegna, di guidare i corsisti lungo i sentieri più suggestivi e gli scorci più nascosti del Parco di Tepilora. Dalle montagne aspre di Crastazza e i boschi di Littos di Bitti fino alle zone umide della foce del rio Posada, passando per le valli di Lodè e il lago di Maccheronis a Torpè. Settimane di lavoro, che hanno contribuito a soddisfare le curiosità e ad accrescere la conoscenza degli iscritti che hanno scrutato il volteggiare dell’aquila reale, del falco di palude o il passo delicato del pollo sultano, specie rarissima in Italia e nel Mediterraneo, ma che nelle pianure lacustri di Posada ha trovato un suo habitat ideale. I futuri assistenti di Birdwatching hanno poi avuto la fortuna di ammirare l’Aquila di Bonelli, tornata sui cieli della Sardegna grazie a un programma di reintroduzione che proprio nell’area Parco, negli ultimi tre anni, ha visto il rilascio di numerosi esemplari provenienti soprattutto dalla Spagna.

«Il corso è stato sicuramente il primo passo per attivare un servizio che possa aumentare l’offerta territoriale in termini di turismo sostenibile. Seguiranno presto nuove attività per la strutturazione dei servizi: dal marketing tematico alla installazione delle capannine di osservazione - dichiara il presidente del Parco Francesco Murgia, che ha aggiunto - Chi oggi fa Birdwatching, non solo in Sardegna ma in tutta Europa, avrà a disposizione un nuovo territorio da scoprire grazie agli accompagnatori che siamo riusciti a formare. Inserire il Parco di Tepilora in questo circuito di appassionati di avifauna significa contribuire a una ricaduta economica di cui siamo certi potrà presto beneficiare l’intero territorio dell’area protetta». «L’Italia – ha spiegato il direttore del Parco Paolo Angelini – a differenza di altri Paesi europei costituisce un ponte aereo strategico tra il nostro Continente e l’Africa, tanto da essere periodicamente attraversato da un significativo numero di uccelli migratori. Nello specifico, la Sardegna e i territori di Posada, Torpè, Lodè e Bitti sono luoghi di transito e di sosta, più o meno lunga, di tante specie anche molto rare. In questo contesto si inserisce l’area del Parco di Tepilora, che con il sistema lagunare costiero di interesse internazionale, della foce del Rio Posada sommata alla parte più a monte e boschiva del Parco, costituisce un’unità ecologica complessa di grande diversità ambientale. Questo si riflette a sua volta in una notevole diversità di specie animali, soprattutto uccelli. Con una varietà naturalistica così ricca, il Parco ha previsto che nei prossimi anni molti degli sforzi da compiere dovranno guardare allo sviluppo di attività tese a una migliore conoscenza del proprio patrimonio e alla sensibilizzazione di visitatori ed escursionisti verso lo stesso, in primis attraverso il Birdwatching».

(Foto Domenico Ruiu)
Commenti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)