Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziesardegnaOpinioniCronacaSiamo tutti cittadini di Bitti
Carlo Mannoni 30 novembre 2020
L'opinione di Carlo Mannoni
Siamo tutti cittadini di Bitti


Si chiama “tempo di ritorno”, una definizione tecnica tanto cara agli ingegneri idraulici che definisce le probabilità che un evento estremo in tema di alluvioni si ripeta nel tempo. Può essere di una decina d’anni, oppure di un centinaio se non addirittura millenario. Si basa sulle osservazioni storiche della natura da parte dell’uomo, tratte dalle rilevazioni delle stazioni pluviometriche sparse sul territorio e annotate, sin dal 1917, nei registri del Servizio idrografico nazionale ora regionalizzato. Prima di tale data ci si era avvalsi delle osservazioni e dei registri degli stati preunitari o della memoria degli uomini salvata negli scritti o tramandata nel ricordo. Col Piano di assetto idrogeologico (Pai), adottato nel dicembre 2004, approvato nel 2006 e successivamente aggiornato, il territorio regionale è stato studiato e mappato con l’indicazione delle aree a rischio alluvione suddivise in quattro classi di pericolosità idraulica, dal livello più basso a quello molto elevato, in tutto 51mila ettari. Laddove si debba intervenire su un’area a rischio meno elevato, ma comunque pericolosa, è imposto lo studio idraulico basato sul “tempo di ritorno”. Quest’ultimo caratterizza il documento tecnico, il libretto delle istruzioni dal punto di vista idraulico di un territorio, dal quale dipende la suscettibilità di utilizzo ai fini urbanistici o infrastrutturali di quell’area a presidio della sicurezza delle persone che vi si sono insediate.

Per Bitti, dopo il ciclone Cleopatra del 2013, considerato un evento estremo sulla cui entità calibrare gli interventi a difesa del paese, la Regione ha appena bandito la gara per la loro progettazione, in linea con i disastrosi tempi della nostra burocrazia. Ma dopo il recente drammatico evento, dieci volte più intenso del precedente per forza distruttiva, come ha affermato il sindaco del paese, qualsiasi idea progettuale a difesa di quel territorio deve essere ora rivista alla luce del nuovo triste fenomeno. Purtroppo, porzioni di paesi e di città sono state costruite a ridosso di corpi idrici che sono stati sempre di più inglobati dagli insediamenti urbani sino addirittura a scomparire occultati da improvvide “tombature”. Gli edifici e le infrastrutture urbane (il caso di Olbia è emblematico) hanno così praticamente occupato il reticolo idraulico, violentando la natura e arrivando laddove non avrebbero potuto se i corsi d’acqua fossero stati liberi di scorrere a cielo aperto e con aree di rispetto lungo gli argini.

E' questa una colpa non solo delle classi dirigenti locali, ma di un’intera comunità per aver accettato, nel tempo, una cultura del territorio più che semplicistica, in cui la natura poteva essere ammansita e ingabbiata in scatolari di cemento armato ad uso dello sviluppo urbano. In Sardegna, in un non recente passato, fu paradossalmente la stessa Regione ad agevolare le “tombature” dei corpi idrici all’interno dei Comuni con consistenti programmi di spesa a favore degli Enti locali. Così è avvenuto a Olbia, a Villagrande Strisaili e a Bitti, per citarne i più significativi, interessati da eventi estremi e distruttivi. Ciò che deve farci riflettere è che le opere necessarie alla mitigazione del pericolo dovrebbero teoricamente rigenerare in modo naturale i corpi idrici, dando respiro e spazio al deflusso delle acque attraverso l’abbattimento di cospicue porzioni di ciò che è stato costruito. Sono interventi che mai si faranno, sostituiti da costosissime e faraoniche opere di difesa. E' forse ora, se non è troppo tardi, che l’uomo prenda coscienza di far parte della natura e di non essere estraneo ad essa, come il caso Covid dimostra. Per questo siamo e dobbiamo essere tutti cittadini di Bitti, non dimentichiamolo.
Commenti
10:49
I Carabinieri della Stazione di Oliena hanno denunciato in stato di libertà una 41enne dell’est Europa, perché, dopo una violenta lite, ha minacciato di morte il 56enne convivente,. I militari intervenuti hanno faticato a riportare la calma tra la coppia, in forte stato di agitazione e alterazione
14:07
Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Bari Sardo hanno contestato violazioni amministrative nell’ambito delle attività di vigilanza e controllo per il contenimento dell’emergenza epidemiologica
12:19
Martedì, i Carabinieri della Stazione di Nuoro sono intervenuti in località Monte Ortobene, all´ex Hotel Fratelli Sacchi, dove ignoti hanno portato via vari arredi dalla struttura in disuso. I malfattori si sono introdotti infrangendo una porta sul retro
10:02
Donna di Thiesi, già nota alle Forze dell´ordine, è stata denunciata per la ricettazione di un´autovettura e per le false attestazioni sulla propria identità
13:04
Sabato, i militari hanno segnalato un 50enne alla Prefettura per detenzione di stupefacenti per usi personale, con conseguente ritiro della patente. Il giorno dopo, hanno deferito un 28enne di Mandas per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere
21/1/2021
Un 25enne di Girasole è stato trovato a Lotzorai in possesso di 8grammi di marijuana. Per questo, i Carabinieri della Stazione di Santa Maria Navarrese lo hanno segnalato alla Prefettura di Nuoro
20/1/2021
I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Bonorva hanno denunciato un infermiere in servizio nell’Ospedale Civile di Sassari per aver sottratto illecitamente materiale sanitario e medicinali di vario genere a uso ospedaliero per custodirli nella propria abitazione
21/1/2021
Il ciclomotore è stato sequestrato ai fini della confisca, mentre il giovane è stato deferito dai Carabinieri della Stazione di Bari Sardo per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità ed appropriazione indebita
20/1/2021
Dieci le imbarcazioni sequestrate dai finanzieri del Reparto Operativo aeronavale di Cagliari, al termine dell’operazione “Orange Flag”, eseguita ad ampio raggio su tutto il territorio regionale sardo
20/1/2021
Una 51enne avrebbe sottratto negli anni all´80enne del quale avrebbe dovuto prendersi cura circa 30mila euro tra denaro e oggetti preziosi. Per questo, la donna è stata denunciata per furto dai Carabinieri
20/1/2021
In due distinti interventi, i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà un 45enne per i reati di lesioni personali e minaccia, e un 32enne per ricettazione
20/1/2021
Nella notte tra martedì e mercoledì, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Ozieri hanno sanzionato un giovane, già noto alle Forze dell´ordine, perché trovato alla guida di un’automobile con tasso alcolemico pari a 0,69g/l
20/1/2021
I Carabinieri hanno controllato un 28enne, senza fissa dimora e già noto alle Forze dell´ordine, che vagava per il centro storico con atteggiamento sospetto. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un coltello da cucina, con manico in metallo, lungo circa 25centimetri


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)