Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziecagliariCronacaAgricoltura › «300ettari senza acqua e colture a rischio»
Red 12 febbraio 2020
«300ettari senza acqua e colture a rischio»
E´ questo l´allarme lanciato da Coldiretti Cagliari, che questa mattina ha organizzato un sit-in a Pabillonis, dove oltre trenta imprese agricole sono considerate a rischio


PABILLONIS - «Un cavo ad alta tensione tiene in scacco oltre trenta imprese agricole di Pabillonis. Una storia assurda, l’ennesima per il comparto agricolo». Questo l'allarme lanciato da Coldiretti Cagliari, che questa mattina (mercoledì) ha organizzato un sit-in per sensibilizzare tutti su questa situazione. Circa 300ettari a nord del paese, in località Riu Mannu e Pardu, sono rimasti senza acqua a causa di una perdita nella conduttura dell’irrigazione in Via La Marmora (appena fuori dal paese), che ha costretto il Consorzio di bonifica della Sardegna meridionale a disporne da fine novembre 2019 la chiusura per tutto il distretto.

Le aziende agricole, a distanza di quasi due mesi, si ritrovano ancora oggi senza acqua, in quanto il Consorzio, dopo la richiesta anche del Comune di chiudere la condotta per motivi di sicurezza (viste le ingenti perdite che stavano allagando la strada), rifiuta tutte le richiesta di assegnazione degli agricoltori fin tanto non ha la possibilità di effettuare i lavori di riparazione del guasto. Lavori che però sono subordinati ad un intervento dell’Enel. Sopra il tubo della condotta dell’irrigazione, infatti, passano due cavi elettrici ad alta tensione, che non rendono possibile alcun intervento in sicurezza. Per consentire agli operai del Consorzio di riparare il guasto, è necessario che la multinazionale dell’energia metta prima in sicurezza i cavi. «Una situazione paradossale – dichjiarano i rappresentanti dell'associazione - in cui a pagarne care le conseguenze sono ancor una volta le aziende agricole».

Il distretto serve circa 300ettari molto fertili, in cui gli agricoltori hanno già seminato diverse colture. Sono presenti orticole, seminativi ed anche impianti serricoli. «E’ necessario intervenire con sollecitudine – proseguono dagli uffici Coldiretti - perché anche a causa di queste temperature miti e dell’assenza prolungata di precipitazioni i campi, cosi come le serre, hanno necessità dell’acqua». Non è un caso che la Coldiretti Sardegna, già dai giorni scorsi, abbia chiesto la programmazione di un anticipo dell’irrigazione in tutto il territorio regionale. Per le aziende di Pabillonis un ulteriore rinvio, immotivata tra l’altro, causerebbe danni ingenti con il rischio di perdere interi raccolti, mesi di lavoro e spese. «Gli agricoltori non possono assistere impotenti alla perdita del raccolto per le negligenze e i tempi burocratici – afferma il direttore di Coldiretti Cagliari Luca Saba - Sono situazioni paradossali, che però mettono a rischio il lavoro di diverse imprese. Chiediamo che si intervenga immediatamente e si ponga rimedio, altrimenti siamo costretti ad azioni di protesta più eclatanti».

Nella foto: un momento della manifestazione
Commenti
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)