Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notiziealgheroOpinioniSanitàSegnali schizofrenici da dilettanti della politica
Giovanni Baldassarre Spano 25 marzo 2020
L'opinione di Giovanni Baldassarre Spano
Segnali schizofrenici da dilettanti della politica


Dopo la precedente nota con la quale il gruppo Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino, esponeva la propria vicinanza alle vittime, ai contagiati e agli operatori in campo, per scelta opportuna ci si sottraeva dal commentare la ridda di polemiche presenti nel panorama politico. Tuttavia riteniamo che per il nostro ruolo nella difesa della sanità pubblica, non si possa non intervenire alla luce delle recenti esternazioni della politica regionale. In un marasma organizzativo che sta mostrando i tragici punti critici nel contrasto alla diffusione del Covid-19 e in un contesto ove migliaia di persone in campo nella nostra Isola non risparmiano energie, a scapito della loro stessa sicurezza, le massime espressioni della politica regionale, ossatura dell’attuale Maggioranza, intervengono pubblicamente con la stessa Presidenza della Giunta, al fine di consentire agli hobbisti dell’agricoltura di poter essere annoverati tra i soggetti autorizzati agli spostamenti giornalieri nel territorio. Questa causa viene perorata con determinazione, sostenendo che si tratta di una vera e propria necessità di sostentamento per tantissime comunità, specie dell’interno.

Fino ad oggi e a seguito di tali interventi, si ignorava che la Sardegna del 2020 risultasse ruralizzata a tal punto e dipendente dall’autoproduzione quanto quella medievale. Riteniamo infatti che non siano realistici gli scenari proposti di un’Isola costretta ad una futura carestia biblica se le operazioni non professionali venissero differite almeno sino al 3 aprile venturo. Un’analisi degna di una politica con ruoli di comando non avrebbe ignorato i pericoli connessi all’estensione dell’allargamento delle cosiddette necessità. Un numero maggiore di veicoli in movimento, per finalità non essenziali, rappresenta statisticamente un innalzamento del rischio di sinistri stradali, con possibili traumatizzati, che andrebbero a gravare sul sistema sanitario già sotto pressione. Inoltre, l’attività agricola non professionale presenta una percentuale di rischio che può per il numero degli hobbisti rappresentare un fattore critico sia per chi subisce infortuni, non potendo accedere con serenità alle cure ospedaliere, sia per i nosocomi isolani recettori dei pazienti. Ci chiediamo se sia stato fatto un calcolo dei soggetti che sarebbero quindi coinvolti da tale beneficio oppure come possano essere verificate le giustificazioni fornite per gli spostamenti. Questo produrrebbe inoltre un ulteriore aggravio per gli operatori delle Forze dell’ordine in campo, impossibilitati a dissuadere le contravvenzioni delle disposizioni dei dpCm.

Gli stessi organi ministeriali nelle Faq avevano precisato che l’attività agricola possibile sarebbe stata quella professionale e del bracciante. Questo viene accettato in tante altre regioni italiane che annoverano anche maggiori superfici coltivate rispetto alla nostra, ma la Sardegna ha un’altra percezione delle priorità. In un momento dove tantissime attività rischiano di fallire o avere delle perdite inimmaginabili a seguito della chiusura, scopriamo che la priorità è l’orto fai da te. Molti hanno equivocato anche il fatto che la coltivazione in proprio fosse sospesa per tutti, quando invece era pacifico che fosse permessa a chi già si trovava ad abitare in loco. L’unica necessità indifferibile sino al 3 aprile è quella dell’allevamento ad uso familiare di animali o l’accudimento di altri di affezione collocati nei propri fondi, ma non di più. Il pensiero va a quelle persone che stanno vivendo attimi di angoscia o correndo il serio pericolo di non riabbracciare i propri cari, ma la triste realtà è che rappresentano una sparuta minoranza elettoralmente inconsistente, rispetto agli hobbisti della zappa.

Ci si domanda se a certi livelli della politica regionale si facciano effettivamente questi calcoli, poiché se non è ancora chiaro tale concessione darebbe il “liberi tutti” ad un numero elevato di persone, vista la notevole quantità di soggetti con fondi agricoli. Ci si domanda inoltre perché non concedere lo stesso beneficio a tutti i pescatori amatoriali e anche a quelli abusivi o ai raccoglitori di erbe selvatiche commestibili, infondo tutti lo fanno per loro sostentamento. La gestione politica di questa crisi sta rappresentando le pagine più infime della storia della Sardegna, scritte da mani incapaci. Tanti sindaci in tutta Italia ed in Sardegna stanno difendendo le loro comunità in prima linea, mentre questi dilettanti della politica o del demagogico consenso stanno dando segnali contrastanti e schizofrenici. Ci si domanda con forza, come si possa pensare di richiedere l’intervento dell’Esercito se parallelamente gli si vuol rendere più gravoso il compito con l’aumento dei soggetti in circolazione? È l’ora di scelte coraggiose e della seria valutazione delle priorità, non della cura del proprio “orticello” elettorale. Il sacrificio è di tutti, tutti compresi senza eccezioni, ma forse le bare sfilate a Bergamo non hanno scosso il nostro atavico egoismo.

* membro Psd'Az Alghero
Commenti
20:10 video
A Porto Torres i casi di cittadini positivi sono sei. Altre 16 persone in quarantena obbligatoria. «Oggi è arrivato il documento ufficiale con i dati relativi a Porto Torres. In totale contiamo sei casi accertati di positività al Covid-19. Altre sedici persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia sono sottoposte al regime di quarantena»
23:13
Nosocomio nuorese sempre in prima linea contro il virus. «Un’arma in più per combattere la diffusione del virus in Sardegna», commenta il consigliere regionale della Lega Pierluigi Saiu, presidente della commissione Autonomia e riforme
26/3/2020
«Vengano effettuati i test a tutti, personale sanitario, anziani residenti e a tutti i loro familiari», chiede il sindaco di Porto Torres, che ha scritto alla Regione autonoma della Sardegna ed all’Azienda di tutela della salute
19:45
Per spiegare la situazione e non allarmare familiari e concittadini sassaresi, la Direzione della struttura di Via Piandanna 4 ha dichiarato che al manifestarsi dei primi sintomi, gli ospiti sono stati isolati, seguendo le linee guida regionali
26/3/2020
«Non vogliamo medici e infermieri eroi ma medici e infermieri sicuri». Così Mariano Brianda, Coordinatore del Comitato "Siamo Tutti Importanti" che chiede le immediate dimissioni dell´assessore alla Sanità della Regione
26/3/2020
Giovanni Maria Soro nuovo commissario dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari. L'annuncio è arrivato pochi minuti fa, durante la conferenza stampa del presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas. Affiancherà la direzione sanitaria. Stesso ruolo ad Olbia per Stefano Vella
27/3/2020
Nonostante le richieste, dalla Regione non vengono forniti i dati ufficiali sull´emergenza Covid profilati per comune. Un fatto abbastanza grave e inusuale, che espone le redazioni e priva tutti i cittadini di informazioni essenziali in momenti tanto delicati. Il caso Alghero
27/3/2020
A dare la comunicazione sul nuovo decesso il sindaco di Santa Teresa di Gallura. Le altre due vittime erano originarie di Monti e di Trinità d’Agultu e Vignola.
9:13
Sono stati attivati dall´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari servizi sia dalla Struttura di Psicologia ospedaliera, sia dall’Unità operativa Psichiatrica
26/3/2020
«In questi giorni difficili, sono stati tanti gli attestati di solidarietà da parte di semplici cittadini e di aziende, ma anche le comunità straniere presenti nell´Isola hanno dimostrato la loro vicinanza al popolo sardo ed alle Istituzioni», dichiara l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis
18:30
Articolo aggiornato in tempo reale con l'evolversi dei contagi da CoronaVirus in Sardegna. Dei malati, 95 sono ricoverati in ospedale (22 in terapia intensiva), mentre 452 sono in isolamento domiciliare. Numerosi gli asintomatici. In totale, nella regione sono stati eseguiti 4225 test.
27/3/2020
«E´ operativo presso la base aerea di Decimomannu un elicottero HH-212 adibito per il trasporto aereo in bio-contenimento, attività svolta dell’Aeronautica militare quale concorso alle operazioni di trasferimento per emergenza sanitaria», ha dichiarato ieri il sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi
19:28 video
Il consigliere comunale del Gruppo X Alghero Pietro Sartore, a nome di tutto il Centrosinistra cittadino ribadisce la necessità che la Regione autonoma della Sardegna fornisca i dati precisi sull'andamento dell´epidemia di Covid-19 Comune per Comune e, in particolare, viene richiesto che vengano resi noti i dati relativi ad Alghero
10:00
Sarà operativo dalla giornata odierna - sabato 28 marzo - dalle ore 8 alle 20 il numero verde dedicato a tutti i sindaci sardi per comunicare con la struttura di emergenza al coronavirus
15:05
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas annuncia le 586 assunzioni straordinarie di personale sanitario in Sardegna, tra infermieri (il 47percento del totale), medici e specializzandi (il 16 e l’8percento), oss, tecnici di laboratorio ed altre figure (il restante 29percento)
26/3/2020
Lo afferma il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, esprimendo grande apprezzamento per il lavoro fin qui svolto dalla Protezione civile regionale
27/3/2020
I direttori dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari ringraziano il personale per il coraggio e la generosità dimostrata in questo periodo di grande emergenza. Inviata una lettera ai dipendenti ed ai direttori di struttura
20:33
Lo assicura il sindaco di Alghero, Mario Conoci. «Le nostre pressanti richieste iniziano a dare i primi frutti, dai sindaci della Sardegna è arrivato un contributo importante all´accordo che sarà definito e reso noto a livello nazionale»
26/3/2020
Il Sindaco di Alghero, Mario Conoci, ha chiesto ed ottenuto il rientro in servizio dell´ex Primario di Anestesia, dott. Giuseppe Liperi, per collaborare in questa fase di estrema criticità. In città peraltro, a causa di una discutibile gestione dell´emergenza, non si ha notizia di quanti positivi certi al Covid-19 vi siano tra la popolazione e tra gli operatori sanitari
26/3/2020
Si tratta di una prima tranche, che verrà distribuita alle Amministrazioni comunali appartenenti al territorio per aiutare a colmare la carenza soprattutto nelle strutture socio sanitarie dei dodici Comuni
26/3/2020
«La situazione nel reparto di Cardiologia-Utic-Emodinamica del Presidio ospedaliero Giovanni Paolo II di Olbia e negli altri presidi ospedalieri sardi in questo periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19 è critica e non più tollerabile», scrive il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Carla Cuccu


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)