Skin ADV
Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter
Porto Torres 24notizienuoroCronacaArcheologia › Archeologia a Bitti: dopo vent´anni ripartono gli scavi
Red 11 giugno 2020
Archeologia a Bitti: dopo vent´anni ripartono gli scavi
Inaugurata un’App in 3d per visitare alcune capanne del sito archeologico di Romanzesu, sull’altopiano di sughere. Il progetto, predisposto dall’Unione dei Comuni del Montalbo, gode di un finanziamento da 100mila euro del Piano regionale straordinario di scavi archeologici ed interventi di emergenza dell’annualità 2017


BITTI - Era dal 2001 che nel sito archeologico di Romanzesu, sull’altopiano di sughere a Bitti, non si vedeva un via vai di carriole accompagnato dal suono di cazzuole che affondano nel suolo e dalla terra passata al setaccio. Dopo quasi vent'anni sono ripartiti, pochi giorni fa, gli scavi per la tutela e la conservazione dell’area archeologica di uno dei siti nuragici più ricchi ed importanti della Sardegna. Il progetto, predisposto dall’Unione dei Comuni del Montalbo, gode di un finanziamento da 100mila euro del Piano regionale straordinario di scavi archeologici ed interventi di emergenza dell’annualità 2017. L’intervento si inserisce nel programma di sviluppo territoriale “Tepilora patrimonio accessibile a tutti”, fortemente voluto e promosso dai sindaci dell’Unione dei Comuni nell’ambito della programmazione territoriale sviluppata dal Centro regionale di programmazione.

Il responsabile del procedimento è il geometra Antonello Ortu, che si avvale della supervisione della Soprintendenza archeologica Belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro. I nuovi scavi, seguiti sia in fase di progettazione, sia in quella di esecuzione da archeologi esperti, consentiranno di valorizzare e promuovere il patrimonio storico-culturale e la fruizione dell’area di Romanzesu. I lavori sono stati aggiudicati con appalto all’impresa Lc edilizia di Torralba e saranno ultimati entro giovedì 20 agosto. Dal prezioso recupero di luoghi e patrimoni conservati nel tempo sotto cumuli di detriti all’esplorazione tridimensionale di quello che era migliaia di anni fa il villaggio nuragico di Romanzesu. Due capanne del sito, ricostruite in digitale fin nei minimi dettagli, potranno essere visitate in 3d, in una sorta di virtual tour. Il nuovo strumento, pubblicato sul sito internet istituzionale del Comune di Bitti e molto utile in tempi di restrizioni Covid-19, è stato messo a disposizione dalla Cooperativa Istelai che, per conto dell’Amministrazione locale, gestisce l’importante compendio archeologico.

«L’attenzione dell’Amministrazione comunale verso Romanzesu, che lo scorso anno ha registrato oltre 10mila visitatori, e di tutti i luoghi culturali di accoglienza turistica del paese è sempre massima e costante. Ne è dimostrazione l’ultimo intervento di restyling inaugurato proprio lo scorso gennaio nel museo multimediale del Canto a tenore». Lo ha detto l’assessore comunale della Cultura Ivana Bandinu, che ha aggiunto: «L’offerta turistica promossa in questi ultimi anni ha permesso a Bitti di affacciarsi da protagonista, come realtà emergente di settore, nel panorama dell’interno della Sardegna. La pandemia Covid-19 ha purtroppo causato l’annullamento di progetti importanti che proporremmo appena le condizioni di sicurezza sanitaria lo permetteranno. Intanto, siamo ripartiti e stiamo ripartendo in questi giorni con l’apertura di tutti i siti pubblici e privati».
Commenti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)